Pubblicità

Cambiamente …

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 1547 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Cambiare è una idea intrigante ma spesso difficile da realizzare perché il cambiamento, contemporaneamente, spaventa. Perlomeno così siamo abituati a pensare. Federica Curzi, psicologa e autrice di saggi di psicologia, ci aiuta a capire come fare.

il cambiamento federica curziIl cambiamento, parola spaventosa e arcana. Spaventosa, perché richiede un grande impegno nell’agire per modificarsi. Arcana, perché non si sa mai dove porti.

Molto spesso durante il mio lavoro, da psicologa, mi sono ritrovata di fronte a delle persone che incominciavano subito con il dirmi: “Dottoressa, io però ho paura di cambiare”.
E alla mia domanda: “Come mai hai questa paura?
La risposta, con svariate personalizzazioni, alla fine porta sempre allo stesso nocciolo: “Ora, bene o male, ho trovato un equilibrio, ho paura di perderlo”.

L’inganno in questa risposta sta nel fatto che l’ipotetico equilibrio è un equilibrio assolutamente malsano, pieno di paure, ansie, rabbia, tristezza e più ne ha più ne metta. Ma almeno questo vivere è ben chiaro e sicuro!

Così ho appreso, in questi anni, che è fondamentale immediatamente incominciare a ‘rischiarire’ il concetto di cambiamento legato a doppio nodo con le aspettative (argomento che affronterò nel prossimo articolo).

Cambiare, non ha assolutamente come significato diventare completamente un’altra persona, snaturarsi, alzarsi una mattina e avere 20 cm in più, occhi da marroni ad azzurri o viceversa e una chioma fluente che sostituisca i capelli lisci e insignificanti che invece abbiamo la fortuna di possedere (per questo esistono i parrucchieri).

Cambiare qui ha il significato di Modificarsi rispettando sempre chi siamo e soprattutto cosa vogliamo essere e apprendere.

Significa incominciare a decidere di vivere la nostra vita in modo equilibrato, sereno e per far questo l’importante è comprendere come ci stiamo muovendo nel mondo oggi, cosa ci rende cosi poco sereni e trovare una via alternativa da far diventare un’abitudine, per poi un giorno, il prima possibile, svegliarci e sentirci in pace con noi stessi, a prescindere dal mondo che ci circonda.

Pubblicità

Adesso non sto affermando qui che tutto questo sia una passeggiata di salute, è sicuramente molto impegnativo e dispendioso in funzione di energie. Ma vi assicuro, alla fine il tutto appaga, perché svegliarsi guardarsi allo specchio e accorgersi di essere sereni non ha prezzo.

A questo punto, la domanda che dovrebbe venirvi spontanea è la seguente: “E come si fa?

Si fa iniziando, da subito, a riflettere sul fatto di non vedere il cambiamento come una cosa da affrontare ma da vivere, cioè sapersi adattare a quello che ci succede.
Affrontare, ci mette subito nella predisposizione alla guerra, almeno a me capita questo, quando penso che devo affrontare qualcosa eccomi li pronta con elmetto e baionetta.

Quindi ho iniziato a vivere, prima, non usando più la parola devo, perché a dirvi la verità anche questa parola mi mette subito con un umor nero, sostituendola con la parola è importante; poi, ora, quando mi trovo a fare delle scelte mi fermo e mi dico: “E’ importante che faccia questa cosa?

Se si, la faccio e non mi lamento, se no, non la faccio e vivo bene lo stesso!

Ho incominciato a vivere pensando di svolgere dei cambiamenti necessari per il mio benessere e non ad affrontarli.

Svolgere, mi porta ad essere attiva in modo positivo, piena di energie, mi porta a pensare al cambiamento come essenziale, mi porta a fare qualcosa per realizzarlo con uno spirito positivo .

Fondamentale, inoltre, è, riflettendoci sopra, impegnarsi a cambiare noi stessi: il nostro modo di porci verso noi stessi e il mondo.

Certo è importante comprendere cosa in noi e nei nostri atteggiamenti non ci permette di vivere sereni, una volta individuati, modificarli.

Domanda da un milione di dollari: Come è possibile modificarci?

  • Decidere di stare dalla parte colorata della vita.
  • Sviluppare serenità interiore.
  • Identificare cose da fare e poi tramutare questi pensieri in azioni.
  • Continuare a fare.

In tutto questo percorso è essenziale riconoscere che ogni eventuale ricaduta, cioè ogni attuazione di un vecchio atteggiamento malsano, è normale e rassicurante.

Normale, perché è impossibile, dopo tanti anni di un certo atteggiamento, per noi ben stabilizzato, in momenti di forti emozioni, non rimetterlo in atto.

Rassicurante, perché vi state accorgendo di mettere in atto un atteggiamento che vi porterà a niente di buono e questo è già un grande successo, paragonato al fatto che prima non ve ne rendevate nemmeno conto!

Non bisogna mai dimenticare che i veri cambiamenti sono lenti e fatti di piccoli passi e annesse ricadute.

Non abbiate fretta, del reso lo dice pure la saggezza popolare: “ La gatta frettolosa ha fatto figli ciechi”.

Piccolo Bignami del vero cambiamento:

  • Non mettersi fretta
  • Apprendere ed educarsi e coltivare alle Emozioni positive:
    Amore.
    Gioia.
    Comprensione.
    Bontà.
    Serenità.
    Calma.
    Pace.
    Affettuosa gentilezza.
    Rendersi conto che le emozioni negative portano a stare male e sono:
    Odio.
    Astio.
    Rancore.
    Tristezza.
    Rabbia.
    Ansia.

Portano solo a vivere con la paura.

Non dimentichiamoci mai che vivere emozioni solari porta sempre a vivere la nostra vita più sereni.

Concludendo, per riuscire a imboccare la strada del cambiamento è essenziale:

  • Volerlo veramente
  • Apprendere quanto detto sopra
  • Convincerci che per noi è essenziale
  • Essere assolutamente determinati
  • Agire i cambiamenti voluti
  • Continuare a impegnarci e non mollare mai!

 

(Articolo a cura della Dottoressa Federica Curzi, autrice di “Conoscersi meglio, consapevolezza e assertività”)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: assertività cambiamento aspettative

0
condivisioni

Guarda anche...

Editoriale

Il virus della mente

Nicola Ghezzani interviene, con un breve articolo, sulla "psicosi" da Corona Virus esplosa nel mondo ed in Italia. Conti alla mano, io ho circa 2.000 possibilità contro 1 di morire di infarto...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologica all’allegria o come la paura del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni