Pubblicità

Alcuni consigli per promuovere l’autostima nei bambini

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 755 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Per autostima intendiamo quel processo soggettivo e duraturo che porta ogni persona a valutare e apprezzare se stesso.

autostima

Il nostro senso di autostima deriva da:

  • elementi cognitivi: le conoscenze possedute, conoscenza di sé e delle situazioni vissute elementi affettivi e sociali: provare e ricevere sentimenti che possono essere stabili nel tempo;
  • relazioni sociali (appartenenza e approvazione del gruppo dei pari). William James (1842/1910) ha definito l’autostima come rapporto tra “sé percepito” e “sé ideale”;

Il primo é la considerazione che una persona elabora su di sé in base alle caratteristiche che sono presenti o assenti nella sua vita, il secondo invece rappresenta il modello di vita che si prende in considerazione (come si vorrebbe essere). Secondo James la persona presenta bassa autostima nel momento in cui il “sé percepito” non raggiunge il livello del “sé ideale”: piú é ampia la discrepanza più il soggetto presenta insoddisfazione.

Quando il “sé percepito” supera il “sé ideale” la persona presenta un elevato senso di potere e successo. Attraverso questo studio elaborato da James l’autostima deriva dal rapporto tra successo e aspettative: infatti la propria autostima deriva dai risultati delle prove quotidiane che la persona affronta. Secondo uno studio effettuato da Eddie Brummelman e Sander Thomaes presso l’Università di Utrecht e pubblicato sulla rivista Child Development l’autostima é fortemente influenzato dal rapporto genitori-figli.

Questo studio ha dimostrato che i bambini tendono a sviluppare un’autostima più alta quando i genitori mostrano interesse, sono affettuosi e dialogano con i propri figli.

Ma se i genitori tendono a lodare troppo i propri figli, fa si che i bambini possano sviluppare poca sicurezza in sé.

Ma arriviamo al “punto”, come si può promuovere l’autostima nei bambini?

  1. Incoraggiare: rispettare i loro tempi, celebrare ogni piccolo successo raggiunto. Importante non spingerli verso obiettivi non realistici
  2. Premiare i tentativi: quando il bambino cerca di raggiungere un obiettivo, anche se effettua degli errori é importante rinforzare questi tentativi, in quanto nell’infanzia l’esplorazione é fondamentale
  3. Imparare a non avere paura degli ostacoli: i genitori o figure di riferimento per i bambini non devono sostituirsi a loro, bensì aiutarli ad imparare delle strategie per superare ed affrontare i piccoli/grandi ostacoli
    Pubblicità
  4. Criticare in maniera costruttiva: comunicare in modo semplice e chiaro quando si sbaglia, fornendo un giudizio sull’azione messa in atto e non il bambino in sé.. una regola che può risultare utile é la “regola del sandwich” un complimento, una critica, un complimento (es: “Grazie per avermi aiutato a stendere i panni, ma non hai ancora messo a posto la tua camera, ah quasi dimenticavo bravissima per l’8 in geografia”)
  5. Non fare comparazioni: i genitori tendono a fare paragoni con fratelli/sorelle o con compagni di scuola, questo puó portare il bambino a concentrarsi sui proprio difetti e non sulle sue capacità
  6. Credere in lui: importante é incoraggiarlo e sostenerlo facendogli capire che sbagliare é normale.

 

Bibliografia:

  • A. Bandura “Autoefficacia. Teoria e applicazioni” Edizioni Erickson Trento 2000
  • E. Giusti “Autostima. Psicologia della sicurezza del sé” Sovera Edizioni Roma 1995
  • N. Branden “I sei pilastri dell’autostima” TEA, Milano 2006
  • M. Miceli “L’Autostima” il Mulino, Bologna 1998 salute24.ilsole24ore.com/articles/20308?refresh_ce=1

 

 

A cura della Dottoressa Ilaria Luciani

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autostima Ilaria Luciani promuovere l'autostima

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni