Pubblicità

COOPERAZIONE PSICOLOGO-MEDICO A BENEFICIO DELLA SALUTE E DELLA SANITÀ

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 562 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

CapodilupoLa presa in carico della persona, unità bio-psico-sociale, beneficia della cooperazione tra le scienze e gli interventi degli psicologi e dei medici, in termini sia di salute che economici.

Ciò vale, in particolare, nella assistenza ai malati cronici (diabete, ipertensione, BPCO, scompenso cardiaco) e per i disagi psichici "minori" o frequenti (depressione, ansia, stress) e nella promozione di stili di vita salutari, quale efficace prevenzione primaria. La diade medico-psicologo, meglio ancora l'equipe multidisciplinare, trova un setting appropriato nella assistenza primaria, specialmente nelle case della salute e nelle UCCP - unita complesse di cure primarie.

Pubblicità

Scheda sintesi dei contenuti

Lo Psicologo, in quanto operatore della salute – tra breve, con il decreto Lorenzin, ascritto come tale tra le professioni sanitarie – si confronta con le tendenze e le impostazioni dell’assistenza sanitaria di base, che, anche per quanto attiene al ruolo e alle funzioni dei medici di medicina generale, stanno già affermandosi o sono in via di consolidamento in talune aree di intervento.

Ispirata al modello del CCM – Chronic Care Model, l’assistenza tende a superare o moderare la configurazione ambulatoriale e a volgere la sua impostazione sui parametri di:
- multidimensionalità;
- presa in carico;
- multifattorialità;
- interdisciplinarietà e lavoro d’équipe;
- empowerment individuale e di comunità;
- promozione della salute.

Di qui la necessità della cooperazione tra le diverse figure professionali, impegnate nella sanità. L’attenzione, nel volumetto, si sofferma specificamente sulla cooperazione psicologia-medicina per gli interventi in campi, altri dall’incontro vis-a-vis, definiti dai nuovi bisogni e dalle nuove istanze che si rinvengono in:

a) stati di malattia
nel cui ambito hanno oggi frequenza preponderante, a livello mondiale, le patologie croniche:
- Diabete di tipo 2;
- Ipertensione;
- BPCO – Bronco-pneumopatia cronica ostruttiva;
- Scompenso cardiaco.
Anche nel nostro Paese, l’assorbimento di risorse economiche per il trattamento domiciliare dei pazienti cronici e per i molteplici ricoveri implicati da destabilizzazioni e ri-acutizzazioni assorbe circa il 70% della spesa sanitaria.

b) tutela della salute
nel cui ambito si annoverano:
- I disagi “minori” che si manifestano in una porzione consistente della popolazione nella forma di ansia, lieve depressione, stress;
- La “voglia” di promuovere il ben-essere personale, migliorando gli stili di vita.

Per ciascuno dei argomenti della cronicità e per i disagi “minori”, il materiale in letteratura è scansionato in base a uno schema omogeneo, che si articola nei seguenti paragrafi:
1. Descrizione, per inquadramento breve di ciascuna patologia e per la sua frequenza nella popolazione;
2. Percorso diagnostico-terapeutico assistenziale, per tracciare i passi della presa in carico sistematica e continuativa e cogliere i momenti in cui può introdursi l’intervento dello psicologo;
3. Aspetti psicologici, per specificare la dimensione soggettiva del vissuto delle malattie croniche;
4. Strumenti di valutazione, per indicare alcuni dei questionari usati negli studi e negli interventi già praticati;
5. Analisi costi/efficacia, per valutare l’utilità dell’intervento psicologico in termini sia di guadagno di salute (compliance e self management) sia di risparmio di risorse economiche (anche del 20%).
Una discreta letteratura di evidenze, afferente al combinato intervento psicologico, si rinviene; ma non è ancora abbondante, soprattutto per quel che riguarda la valutazione costi/efficacia.

Per la “voglia di benessere”, il capitolo dedicato accenna alle deviazioni e sollecita le spinte verso stili di vita più salutari, nei campi che l’OMS considera determinati di ben-essere:
- Attività fisica;
- Alimentazione corretta;
- Cessazione/riduzione del fumo;
- Lotta all’abuso di alcol.

Il modello della presa in carico delle malattie corniche e della promozione della salute richiede che lo psicologo si coinvolga nel lavoro interdisciplinare e che le istituzioni sanitarie ne riconoscano e ne prevedano la presenza cooperativa nei nuovi setting assistenziali:
- Le Case della Salute;
- Le UCCP – Unità Complesse di Cure Primarie.

Ciò implica, per lo psicologo e per le scuole di formazione di base e specialistiche, di:
- Non limitare la preparazione e il ruolo professionale all’assetto clinico riparativo;
- Portare l’attenzione al campo della salute da tutelare e promuovere;
- Padroneggiare modelli di intervento mirati e brevi, individuali e di comunità;
- Acquisire competenza, teorica e applicativa, su tematiche diffuse in Sanità, quali: appropriatezza, EBP - Evidence-Based Practice, linee guida, percorsi diagnostici e terapeutici, valutazione costi-efficacia ecc.

In tal senso possono essere richieste e indirizzate dalla Sanità risorse economiche, che incentivino il guadagno di salute derivabile dal lavoro interdisciplinare (non progetti isolati, ma programmi), attirando anche fondi di privati, interessati a ottenere margini compensativi dai risparmi ottenuti.
Un ampio riferimento bibliografico accompagna l’esposizione dei contenuti.

L'autore

Antonio Capodilupo, nato a Priverno (LT) il 3 aprile 1948 - residente a Latina. Psicologo dirigente nell’ASL Latina - Direttore UOC Integrazione Socio-Sanitaria Distretto 3 (in quiescenza). Insegnante in corsi di formazione per infermieri e fisioterapisti, dal 1980. Incarico di docenza con insegnamenti di area psicologica presso la sede decentrata di Latina dell’Università “La Sapienza” di Roma, dal 2001. Lezioni di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni nel Corso di Laurea specialistica (in sede) e nel Master di Coordinamento (nel Collegio provinciale IPASVI). Precedenti pubblicazioni: “Rassegna di tecniche di programmazione sanitaria” (1982); “Argomenti di Psicologia applicata alla professione infermieristica con tirocinio teorico-pratico sulla comunicazione” (1995); “La relazione di aiuto infermieristica mediante l’Analisi Transazionale” (1997). “Argomenti di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni per la Dirigenza delle Professioni sanitarie” (2017). Monografia “Un sistema informativo nel servizio materno-infantile e per l’età evolutiva (1985). Articoli, in riviste italiane, su vari aspetti organizzativi: carichi di lavoro, benchmarking della produttività ospedaliera per DRG, disturbi lavoro-correlati (burnout, stress, DPTS), motivazione e soddisfazione al lavoro.

 

Antonio Capodilupo
Cooperazione psicologo-medico a beneficio della salute e della sanità
Collana: La community di ilmiolibro.it
Anno edizione: 2017
Pagine: 136 p., Brossura
EAN: 9788892334083
Prezzo: € 14,00
Editore: ilmiolibro self publishing



Acquista il libro su IBS

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: libri di psicologia psicologo salute sanità Antonio Capodilupo; medico;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni