Pubblicità

L’ alimentazione e i nostri sensi

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 532 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Quando si mangia, lo si fa per molte ragioni, per questo é importante aumentare la propria consapevolezza circa le proprie abitudini alimentari e la maniera in cui ci si relaziona con il cibo.

alimentazione sensiJan Chozen-Bays (2009) ha identificato nove tipi di fame, ognuna delle quali é collegata ad una parte del nostro corpo:

  • I sensi
  • Lo stomaco
  • Le cellule
  • La mente
  • Il cuore

In questo articolo ci occuperemo della fame collegata ai sensi.

La funzione più importante che viene svolta dai nostri sensi é di conoscere il cibo attraverso gli odori ed i sapori.

Vista (Fame degli occhi): rappresenta un canale privilegiato nel lasciarsi “sedurre” dal cibo soprattutto quando é colorato, ben impiattato.  Ti é mai capitato di avere l’acquolina in bocca vedendo del cibo in televisione o in foto? La fame degli occhi può essere soddisfatta esplorando, osservando per un lungo periodo di tempo il piatto che abbiamo di fronte.

Olfatto (Fame del naso): il sapore del cibo si forma attraverso l’odore che esso emana, infatti quando si ha il raffreddore il gusto del cibo non viene percepito.
Come si soddisfa questa fame?  Se per la vista é esplorare/osservare il cibo che abbiamo di fronte in questo caso bisogna soffermarci sull’odore che il cibo emana, quindi sui suoi aromi.

Pubblicità

Udito (Fame delle orecchie): il suono, la croccantezza del cibo rappresenta una modalità per stimolare la curiosità o la nostra attrazione verso un determinato cibo.
Per soddisfare la fame delle orecchie é importante prestare attenzione al suono che il cibo emana mentre si tocca o si mastica.

Tatto: tale fame fa riferimento al toccare il cibo con le mani o con le labbra, aumentando cosi l’esperienza sensoriale mentre si mangia.

Gusto (Fame della bocca): ciò che può o meno attrarre di un cibo dipende in buona parte dall’educazione che abbiamo ricevuto e dai condizionamenti sociali e questo influenza le nostre preferenze in materia di cibo; se il caffè ci piace dolce o amaro, se ci piace più un cibo dolce o salato... Per soddisfare la fame della bocca é importante aumentare la nostra consapevolezza sul gusto (sapore) del cibo.

Nel rapportarsi con il cibo a volte ci si lascia guidare dai nostri sensi. Come?

Ad esempio se si sente l’odore della pizza appena sfornata, anche se non si ha fame ci si ferma a comprare un pezzetto di pizza calda e si mangia... oppure durante il pasto si viene influenzati dalla vista: non si smette di mangiare fino a che tutto ciò che é presente nel piatto o sulla tavola non termina.

Esistono dei “trucchetti” per poter “ingannare” i nostri sensi e non lasciarci guidare da essi:

  • Utilizzare piatti più piccoli: una porzione di cibo in un piatto piccolo appare più grande rispetto alla stessa porzione in un piatto grande;
  • Utilizzare piatti rossi: secondo una recente ricerca se il cibo, anche quello più goloso, viene servito o è contenuto in un piatto rosso si tende a mangiarne quasi la metà rispetto a quello presentato in un piatto di colore diverso. Lo stesso vale per le bevande contenute in bicchieri rossi... Lo studio é stato condotto dai dottorandi in psicologia dell’ Università di Basilea, Oliver Genschow e Leonie Reutnr: ai volontari furono serviti tè e salatini in piatti e tazze di diverso colore, si osservò che chi aveva stoviglie rosse aveva consumato il 44% di cibo in meno rispetto a coloro che avevano piatti e bicchieri blu;
  • Nascondere cibi calorici e golosi: riponendo tali cibi in posti poco visibili siamo portati a non mangiarli in quanto non si vedono... Fare la spesa a stomaco pieno: quando si fa la spesa é importante andarci a stomaco pieno, cioè dopo aver mangiato cosi si é portati a comprare cibi sani e salutari;
  • Mangiare lentamente: quando si mangia é importante essere nel momento presente prestando attenzione all’aspetto, alla consistenza del cibo.. questo perché mentre si mangia non si é consapevoli, ma é una attività che viene svolta di fretta e con distrazioni;

Bibliografia:

- Mindful eating: una metodologia innovativa per regolare il rapporto con il cibo, Editore EPC, Teresa Montesarchio

 

A cura della Dottoressa Ilaria Luciani

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: abitudini alimentari sensi alimentazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato nel DSM, bensì un qualcosa di simile...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni