Pubblicità

Quando finisce un amore: la neurochimica delle rotture

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 14446 volte

4.7142857142857 1 1 1 1 1 Votazione 4.71 (7 Voti)

Che sia la fine o l’inizio di una relazione, la sede dell’amore, in tutte le sue sfumature, è nel cervello.

neurochimica dell'innammoramento e amoreLe emozioni intense che si verificano quando viviamo un nuovo amore o la fine di una storia importante hanno un impatto straordinario sui pensieri, sull'umore e sul comportamento.

Che sia la fine o l’inizio di una relazione, i neuroscienziati affermano che la sede dell’amore, in tutte le sue sfumature, è nel cervello.

Si tratta di una straordinario gioco armonico neurochimico, di ormoni e di attivazione e disattivazione di particolari sistemi cerebrali.

I sistemi cerebrali riflettono percorsi del cervello che rispondono in maniera specifica a determinate condizioni;quasti stessi sistemi sono influenzati dalla rottura dei rapporti relazionali.

I ricercatori che studiano le neuroscienze e l'amore romantico (ad esempio, Fisher, Marrone, Aron, forte, e Mashek, 2010) hanno identificato modi comuni del cervello di reagire alla perdita di un rapporto speciale e  i sei sistemi cerebrali influenzati dalla fine di una relazione importante:

- Il sistema di incollaggio (Sistema di Bonding): Definito anche come sistema di collegamento, è gestito principalmente da ossitocina e vasopressina.
Questi neurotrasmettitori, rilasciati come ormoni dall’ipofisi posteriore, sono responsabili della fedeltà e dell’attaccamento al compagno ed hanno anche un ruolo importante nella nascita del sentimento.
Subito dopo una rottura, questo sistema può andare in "overdrive"  e spingere il pensiero e l’azione verso l’ex compagno, anche se si è consapevoli che  quella persona non era il partner ideale.
A causa della chimica di questo sistema il soggetto potrebbe sentirsi solo e percepire una forte mancanza dell’altro.
Per ridurre queste sensazioni di solitudine e mancanza è necessario circondarsi di persone amichevoli capaci di trasmettere affetto e comprensione.

-Sistema di ricompensa: Il sistema di ricompensa è associato al desiderio e alla la motivazione verso (volere, desiderare) qualcuno o qualcosa che si apprezza e rappresenta una fonte di gratificazione.

La dopamina e gli oppioidi endogeni sono i driver principali neurochimici di questo sistema e riflettono il loro coinvolgimento in sensazioni di piacere e dolore.

I percorsi di ricompensa sono coinvolti con la dipendenza (da droghe, cose, persone - niente) ed è proprio una parte del circuito del sistema che porta una persona a desiderare, in maniera ossessiva  l’ex-partner.

La serotonina può anche avere un forte impatto sul modo di sentirsi di una persona; l’azione di questo neurotrasmettitore è associata alla sperimentazione di  pensieri ossessivi, negativi, e impulsivi.

Potrebbe essere necessario ignorare alcuni dei suggerimenti che questo sistema evoca. Alcuni individui iriferiscono di essersi sentiti  ossessionati dall’ex, dopo la fine di una relazione,  e aver poi agito impulsivamente svolgendo ripetute chiamate, inseguimenti e  ritorsione contro l'ex compagno.

-Il sistema del dolore:
A seguito di una separazione, livelli di oppioidi endogeni tendono a diminuire, ciò  contribuisce ad una maggiore sperimentazione di  sentimenti di sofferenza e dolore, disperazione e sensazione di avere un cuore ferito, "spezzato". Questo aggiunge un altro componente della motivazione verso la ricongiunzione con l’ex.

In questi casi è molto utile ascoltare  musica che trasmetta sentimenti, in particolare  che consentano, sollievo e  rilassamento, evitando testi o melodie che esprimano  disperazione e perdita.
La musica viene utilizzata in molti approcci terapeutici nel campo della neurologia e della psicologia, perché può avere un impatto positivo in  diverse regioni del cervello. Ad esempio, la musica può influenzare le aree sottocorticali profonde (emozione).Anche l'esercizio fisico e un' alimentazione equilibrata  "nutrono" il cervello di ciò che ha bisogno, permettendo di rigenerarsi.    

Sistemi di stress: I principali neurotrasmettitori di questo sistema  sono la corticotropina  la  noradrenalina.
Dopo la rottura tendono ad attivarsi due sistemi di stress, i quali  portano l’ individuo a sentirsi iper-eccitato e a sperimentare ansia, palpitazioni cardiache, alterazioni dell'appetito, e disturbi del sonno.

Pubblicità

E’ necessario per tale motivo impegnarsi in attività che possano rappresentare una fonte di rilassamento per il corpo e per la mente: esercizio fisico, movimento, tecniche di rilassamento come l'immaginazione guidata.
Scoperte scientifiche rivelano che ciascuna attività  può essere utile, in particolare per l’azione del sistema serotoninergico. La serotonina ha un effetto inibitorio su porzioni del sistema dello stress.

5. "Emotion-regolamento System" - Sappiamo che quando il cervello è in uno stato altamente stressate, come ad esempio subito dopo una rottura, aree della corteccia prefrontale, deputate al controllo e alla gestione delle emozioni e  degli impulsi  sono meno attive. Nel caso di una rottura,  l'individuo non riuscendo a gestire emozioni e percependole come intollerabili, agisce in maniera impulsiva e aggressiva verso gli  altri e verso  l'ex partner, non tenendo conto delle ripercussioni negative delle proprie azioni.

6. Reti Cognitive - Durante i periodi di stress, il cervello allontana pensieri cognitivi e  (pensiero) e tutte le risorse del soggetto si focalizzano sui pensieri emotivi. Per tale motivo molte persone possono sperimentare problemi di concentrazione, attenzione,  organizzazione, e memoria.

Attraverso questo modello neurobiologico delle rotture, si può dedurre  che la fine di una relazione genera uno stato di scompenso tempestivo.

Subito dopo la separazione è normale per il cervello generare una forte reazione al distacco. Ecco perchè  inizialmente si  tenta di recuperare ne con l'ex-partner, ma poi con il tempo (e gli sforzi verso il disimpegno )anche i sintomi del disagio tendono a  svanire.

Quando non si riesce a gestire  l'intensità delle emozioni che seguono una rottura, potrebbe essere necessaria una consultazione con una professione di salute mentale .

 

Tratto da Psicology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: ansia amore relazione cervello comportamento, perdita disperazione umore sistema di ricompensa

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni