Pubblicità

L'abuso sessuale sui minori

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 812 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

abuso sessuale su minoriLeggendo quotidianamente di abusi sessuali sui minori, mi sento in dovere di sottolineare alcune reazioni psicologiche che avvengano all’abusato,purtroppo, sia la scuola sia i mass media si interessano del problema solo a fatti accaduti e non prevenendoli.

La tematica dell’abuso sessuale sui minori, purtroppo è ancora oggi uno dei più grossi tabù ancora esistenti della nostra società.

I bambini abusati sessualmente sono, ancora nel nostro paese, molti di più di quanti ci siano segnalati dalle statistiche giudiziarie. In Italia la metà dei reati di violenza carnale denunciate ha per vittima un minore di 14 anni.

Lo stereotipo del maniaco anziano e psicopatico come protagonista della violenza sessuale ai danni del bambino è stato smentito da numerose ricerche, pochissimi, infatti, sono i bambini abusati da sconosciuti, la maggior parte degli autori di reato è invece persone conosciute dalla vittima come amici di famiglia, insegnanti, parenti e solitamente tra i 30 e i 35 anni. E' importante affermare che l’abuso sessuale accade in tutte le classi sociali.

Vediamo, come tale fenomeno, ha una diffusione quantitativa e qualitativa insospettabile ed è inteso come " ogni tipo di contatto o di tentato contatto sessuale compiuto da un' adulto nei confronti di un minore o di un adolescente".

E’ importante essere coscienti delle gravi conseguenze che un abuso sessuale può avere su un minore, tant’è che una volta adulto può sviluppare una forma di disagio come una perversione quale, la pedofilia. Come mai- è necessario chiederci- accade una cecità così grave di fronte a tale fenomeno?

Purtroppo perché esiste una cultura psicologica, medica, e giuridica che non riesce a percepire e di conseguenza a prevenire la violenza sessuale ai danni dei minori poiché non riesce a pensarla come fenomeno diffuso e difforme.Sarebbe necessario, a tale proposito.Insegnare ai minori a coniugare la sessualità alla parola, cioè a favorire nei bambini ad esprimere emozioni piacevoli e non inerenti alla sessualità usando tra l’altro il linguaggio del gioco. Questo modello d’educazione sessuale consente ai bambini di dar voce ai loro bisogni di comunicazione e di chiarificazione.

Pubblicità

L’atteggiamento emotivo dell’adulto invece per affrontare la sessualità dei minori è l'empatia che è indispensabile per comprendere e aiutare la vittima d’abuso sessuale e quindi è l’empatia l’atteggiamento emotivo indispensabile per gli operatori a comprendere e aiutare la vittima d’abuso sessuale.

Purtroppo di fronte alla sessualità del bambino e dell’adolescente l’adulto è spesso imbarazzato poiché da un lato non può più negare la realtà sessuale nell’età evolutiva, e dall’altro prova disagio ed è tentato a rifiutarla.In conseguenza di ciò l’adulto tende a prendere tempo e ad assumere un atteggiamento di rinvio. Rimane quindi come nel passato ancora diffusa la tendenza dell’adulto a rinviare e a delegare all’esterno della famiglia il compito di dare un’educazione sessuale ai figli.

Anche sul piano istituzionale si manifesta tale atteggiamento nei confronti della sessualità nelle scuole con la giustificazione che ci sono cose più importanti da affrontare.Quindi per permettere ai figli e allievi di vivere in modo sereno la propria sessualità occorre costruire una relazione adulto-minore in cui il secondo si senta libero di fare domande ed esprimere dubbi in comportamenti sessuali.Per quanto riguarda la scuola è importante che sia fatta un’educazione sessuale che non si limiti però ad un discorso “informativo” e teorico sulla sessualità ma l’obiettivo è di aiutare i giovani a sentire cosa avviene dentro di loro quando entra in gioco la sessualità, a percepire e accettare le proprie paure.L’obiettivo dell’educazione sessuale soprattutto in classe è quello quindi di far acquisire ai ragazzi la consapevolezza che tramite il dialogo e la comunicazione dei sentimenti sono possibile affrontare i problemi legati alla sessualità.

Quindi concludendo possiamo affermare che per il bambino l’abuso sessuale è devastante in tutte le sue forme anche quando è proposto come un “dolce giochino” da tenere segreto.Quel che è fatto ad un bambino, con l’abuso sessuale, oltre al dolore e al disagio fisico è anche lo sconvolgimento e la perdita d’equilibri. Certezze e valori.

 

Dott. Sergio Pugelli, Psicologo-Psicoterapeuta, Prato

 

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: minori infanzia abuso sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni