Pubblicità

Non riesco più a vivere (1566729620562)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 410 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Francesca007, 25

domanda

Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se fossi sotto una campana di vetro e mia mamma me ne diceva di tutti i colori che non era contenta di me perché le figlie delle sue amiche non erano come me.

Per non litigare con mio papà e avere sempre discussioni ripetutamente stavo zitta e facevo cosa diceva lui. Mia mamma mi chiamava suora e mi umiliava ripetutamente che non avevo nemmeno il ragazzo. Questo va avanti per 3 anni.

Vivo questa situazione di ansia dove stando quasi sempre chiusa in casa mi guardo allo specchio e mi vedo solo difetti, inizio con il convincermi che ho il naso troppo grande per la mia faccia e cado in depressione per uno stupido naso che poi ho operato ed è nata un altra depressione.

Dopo 3 anni di depressione conosco un ragazzo e finalmente mi libero da questo male e riesco ad uscire dalla depressione finché un anno e 7 mesi fa non vengo tradita da lui e umiliata e cado di nuovo in depressione, nel mentre mia madre scopre anche un tradimento di mio papà e lo lascia da lì inizio ad avere anche tantissima libertà da lui inizio ad uscire e conoscere mondi nuovi e mi comporto sempre bene.

Quindi non è il tenere una figlia legata in casa che fa la serietà di una persona ma il sapersi comportare. Quindi mio papà inizia a darmi fiducia e da lì si rafforza anche il rapporto con mia mamma, capisce I suoi sbagli e capisce che ragazze come me ne esistono poche nel mondo perché sono seria e con la testa sulle spalle e le parole che mi ha detto sono tornate contro di lei con il tradimento di mio papà.

Ha iniziato a cambiare anche lei nei miei confronti. Fatto sta che anche se si sono aperti nuovi mondi sono lo stesso in depressione e non capisco perché forse perché ora ho libertà ma si è rovinata una famiglia. Voi dite che rivolgermi ad uno psicologo può essere d'aiuto?

Grazie


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


risposta

Gentile Francesca,

Le rispondo in modo diretto alla sua domanda, assolutamente si, rivolgersi ad un professionista può esserLe certamente d’aiuto.

Dalla breve descrizione che fa della sua storia famigliare, si evince quanti vissuti di sofferenza Lei abbia sperimentato legati ad una divisione coniugale che solo successivamente si è nei fatti comunque realizzata.

Ciò che colpisce è la preoccupazione di un figlio per lo stato di salute della coppia genitoriale. Questo è qualcosa che va molto oltre la consapevolezza a certe età, ma che inevitabilmente esiste e può condizionare parte se non tutta l’esistenza dei figli.

Ciò che sente come depressione forse non è altro che la sensazione di aver fallito in questo antico compito di tenere insieme papà e mamma.

Un lavoro psicologico Le permetterebbe di sentirsi enormemente meno coinvolta in qualcosa (la separazione dei suoi genitori) che onestamente Lei non può illudersi di controllare, bensì potrebbe acquisire consapevolezza circa la sua condizione adulta e come nel presente e futuro fare diversamente da come fatto finora in tutte quelle situazioni che Le hanno fatto provare sofferenza.

È importante, come Lei ha giustamente fatto con questa richiesta d’aiuto, porsi in una posizione di osservazione di se stessi affinché il quadro possa essere visto in modo globale.

Cordialmente

 

Pubblicato in data 10/09/2019

A cura del dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita adolescenza rapporto con i genitori gentori e figli

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters

0
condivisioni