Pubblicità

Depressione post tumore al seno (1455114884487)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 960 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAngela, 37

 

D

 


Gentili Dottori,
mi chiamo Angela ed ho 37 anni, svolgo attività di dipendente, figlia unica di genitori separati e convivo col mio compagno ma non abbiamo ancora figli.

Da qualche tempo mi è crollato il mondo addosso: ho subito un intervento al seno poche settimane fa ed ora dovrò fare la radio e la terapia ormonale per 5 anni.

Ritengo fortemente di aver bisogno di un consulto psicologico, ma causa tempo e soldini non mi riesce possibile.
Ho un'altissima familiarità con questa malattia e temo di aver appena iniziato; ho paura di non riuscire a rialzarmi, niente più mi stimola e, soprattutto, non so se riuscirò mai a realizzare il desiderio del mio compagno di diventare padre.

Insomma ho i disagi che credo abbiano avuto buona parte delle donne nella mia stessa situazione:problemi nell'accettare il proprio corpo, maternità, ansia, senso di colpa, etc.
Vi scrivo per chiedere un aiuto. Come supererò tutto questo? Quanto tempo mi occorrerà per sentirmi meglio? Cosa posso fare per alleviare il mio disagio?

Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R




Gentile Angela,
Affrontare una malattia come il tumore mette fortemente in crisi tutto il sistema di riferimento di un individuo; essere colpita in ciò che la caratterizza fisicamente come donna ha relazioni sia con la femminilità che con la sessualità che la maternità.
Ansia, depressione, paura per il futuro sono componenti che compaiono inevitabilmente. L'immagine di se vacilla e la paura delle emozioni e della morte complica tutto. Ma a volte si attivano risorse che non si sapeva di possedere, si può trovare una forza sconosciuta nonostante il dolore e la sofferenza.

Deve rivolgersi ad associazioni e centri che possano sostenerla, ce ne sono molte senza scopo di lucro che offrono sostegno psicologico senza chiedere compenso, ad esempio la Susan G. Komen ha un centro presso il policlinico A.Gemelli di Roma, oppure l'associazione nazionale donne operate al seno a Milano, o L Associazione Italiana Tumori al Seno che dispone di un numero verde (tel:840.503579).

Esiste una guida di associazioni di volontariato in oncologia dove può trovare centri divisi per regioni. Può trovare conforto e dare un senso al percorso che deve affrontare ed è importante che dia parola ai suoi dubbi e al suo dolore.
Non è possibile indicare dei tempi precisi per la risoluzione di un dolore,  per sentirsi meglio, ma può accedere alla possibilità di essere sostenuta e comprendere profondamente cosa sta vivendo e come affrontarlo.

A disposizione per ulteriori approfondimenti,
Luisa Bonomi

 

(a cura della Dottoressa Luisa Bonomi)

 

Pubblicato in data 16/02/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia crisi paura malattia sessualità dolore corpo figli senso di colpa compagno sofferenza maternità tumore desiderio seno consulto psicologico femminilità oncologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni