Pubblicità

Paura di perdere mia madre (1506531733525)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 974 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLUIGI, 23

 

 

domanda

 

 

Salve,

negli ultimi tempi c'è un pensiero che mi assale spesso:la paura di perdere mia madre a seguito di una grave malattia.

Mia madre per fortuna ad oggi sta bene,ma è un pensiero che mi assale sempre di più.

Vedo la vita buia,cupa eppure in compagnia sono allegro,invece non appena torno a casa mi assale quella che per me è una depressione.

Mi sta succedendo nell'ultimo mese,penso solo alle varie malattie,e questo non mi fa vivere piu bene come una volta. Non so davvero cosa fare,questo problema purtroppo non mi fa nemmeno concentrare con lo studio.

Sto pensando di andare anche da uno psicologo,ma non avendo tante possibilità economiche mi astengo nel fare questo passo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Salve Luigi,

dalla sua richiesta di aiuto emerge che gli ambienti fisici in cui si trova riescono a condizionare molto il suo umore.

Questo è un fenomeno abbastanza usuale, tutti cambiamo atteggiamento a seconda se siamo in un luogo di culto o ad un concerto!

Quello che non risulta facilmente sopportabile è vivere male la propria abitazione. La casa è sinonimo di protezione, calore, sicurezza, benessere, mentre Lei racconta che non riesce a sentire questi aspetti quando è in questo luogo.

Probabilmente questo è il luogo dove più spesso incontra sua madre, la persona di cui è maggiormente preoccupato oltre a sé stesso.

E' come se le sue antenne percepissero l'umore depresso che si respira in casa e tramite Lei venisse espresso. Quindi la sua visione negativa che sta riscontrando recentemente non appartiene solo a Lei, ma probabilmente è l'espressione di un malessere familiare più diffuso.

Sono avvenuti degli eventi specifici che hanno causato questo abbassamento dell'umore di tutta la famiglia? Pensandoci a cosa può ricollegarli?

Mantenere comunque sana una parte di sé, quando esce, quando sta con gli amici, è un aspetto essenziale, perché delimita l'aspetto di sofferenza e conserva le risorse per poter affrontare questo particolare momento.

Pensare ad un aiuto professionale esterno è sicuramente una buona strategia per cercare di diminuire o risolvere il disagio provato. Dimostra così sufficiente maturità al punto di rendersi conto che probabilmente solo con le proprie forze non è possibile andare avanti.

E' forse questa stessa maturità che la spinge a farsi carico delle problematiche dell'intera famiglia, sentendo così su di sé tutto il clima familiare...

Attenzione, questo non significa però diventare meno maturi, perché non è così che si porrebbe rimedio alla problematica, bensì sarebbe opportuno non addossarsi tutto il peso ma dividerlo equamente per tutti i componenti della famiglia.

Lei ha il grande onere e anche l'onore di aver individuato l'esistenza di un disagio diffuso, ma non può avere l'incarico di risolverlo per tutti, c'è bisogno di tutti.

Al contrario di quello che Lei ipotizzava tramite un percorso psicologico individuale, che da solo non può permettersi, il percorso che sentirei di consigliarLe invece è una terapia familiare che probabilmente, ognuno contribuendo a seconda delle sue possibilità, insieme diverrebbe possibile attuare.

Cordialmente

A cura del Dottor Vito Leone

 

Pubblicato in data 04/10/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita paura famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters

0
condivisioni