Pubblicità

Rapporto sessuale con un amico sposato (128665)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 497 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Flavio 26

Buongiorno, ho 23 anni, sono single da qualche anno, ho avuto due storie importanti finite per via di problemi di distanza. Premetto che ho avuto una forte cotta che persiste tutt'ora per una mia collega, ma lei si è felicemente fidanzata con un'altro; devo dire che con il tempo ho saputo superare la cosa.

Da qualche mese ho intensificato un rapporto di amicizia con un mio collega, 33 anni sposato con un bambino, solitamento nelle amicizie io vorrei la costante presenza a volte mi rendo conto che può diventare morbosa la cosa, ma pur con difficoltà riesco a retrocedere, standoci male.

La svolta è capitata a inizio novembre, in vacanza, siamo andati a fare una passeggiata e abbiamo iniziato a palare di discorsi sessuali, da li abbiamo deciso di masturbarci.

Tutto sembrava finto li, il fatto è che il giorno successivo tra una cosa e l'altra ci siamo trovati a fare sesso, alla fine non stavamo bene entrambi, ma lo abbiamo preso erroneamente come un gioco, perverso, negativo, orribile e tutto quello che ci pùo stare.

Ci troviamo ora a distanza di parecchi giorni ad avere forte attrazione fisica l'uno con l'altro, nonostante ciò la vita sessuale di coppia del mio amico con la moglie non ha problemi, da parte mia non cerco una relazione gay, ma la voglia sessuale è tantissima e questo mi crea una grossa ansia.

Ne abbiamo parlato spesso e non riusciamo a darci una risposta sensata, e se non diamo freno alla cosa ricapita. E' una cosa orribile lo ammetto, immorale, che da una parte fa stare bene ma dall'altra malissimo, tanto da farmi pensare di sparire dalla sua vita, ma all'idea ci sto male e anche lui...Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

Caro Flavio, dal racconto si evince che la tua confusione deriva dalla domanda che ti poni se sei gay o eterosessuale o bisex. Partendo dal ragionamento che fai sull'immoralità, la perversione ect... io non ci vedo niente di immorale se il tuo orientamento sessuale è da definire.

E' altrettanto chiaro che devi fare chiarezza su ciò che sono i tuoi orientamenti sessuali senza ricorrere a drammatici pensieri, infatti per meglio affrontare questa problematica ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a riflettere su ciò che hai affermato e accettare l'orientamento sessuale che emerge.

Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Pugelli)


Pubblicato in data 18/12/08

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: omosessualità rapporto sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Poligamia

In antropologia è quella particolare forma di matrimonio dove un uomo o una donna possono avere più consorti contemporaneamente. Ci sono due tipi: Poliginia...

News Letters

0
condivisioni