Pubblicità

Rapporto sessuale con un amico sposato (128665)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 214 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Flavio 26

Buongiorno, ho 23 anni, sono single da qualche anno, ho avuto due storie importanti finite per via di problemi di distanza. Premetto che ho avuto una forte cotta che persiste tutt'ora per una mia collega, ma lei si è felicemente fidanzata con un'altro; devo dire che con il tempo ho saputo superare la cosa.

Da qualche mese ho intensificato un rapporto di amicizia con un mio collega, 33 anni sposato con un bambino, solitamento nelle amicizie io vorrei la costante presenza a volte mi rendo conto che può diventare morbosa la cosa, ma pur con difficoltà riesco a retrocedere, standoci male.

La svolta è capitata a inizio novembre, in vacanza, siamo andati a fare una passeggiata e abbiamo iniziato a palare di discorsi sessuali, da li abbiamo deciso di masturbarci.

Tutto sembrava finto li, il fatto è che il giorno successivo tra una cosa e l'altra ci siamo trovati a fare sesso, alla fine non stavamo bene entrambi, ma lo abbiamo preso erroneamente come un gioco, perverso, negativo, orribile e tutto quello che ci pùo stare.

Ci troviamo ora a distanza di parecchi giorni ad avere forte attrazione fisica l'uno con l'altro, nonostante ciò la vita sessuale di coppia del mio amico con la moglie non ha problemi, da parte mia non cerco una relazione gay, ma la voglia sessuale è tantissima e questo mi crea una grossa ansia.

Ne abbiamo parlato spesso e non riusciamo a darci una risposta sensata, e se non diamo freno alla cosa ricapita. E' una cosa orribile lo ammetto, immorale, che da una parte fa stare bene ma dall'altra malissimo, tanto da farmi pensare di sparire dalla sua vita, ma all'idea ci sto male e anche lui...Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Flavio, dal racconto si evince che la tua confusione deriva dalla domanda che ti poni se sei gay o eterosessuale o bisex. Partendo dal ragionamento che fai sull'immoralità, la perversione ect... io non ci vedo niente di immorale se il tuo orientamento sessuale è da definire.

E' altrettanto chiaro che devi fare chiarezza su ciò che sono i tuoi orientamenti sessuali senza ricorrere a drammatici pensieri, infatti per meglio affrontare questa problematica ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a riflettere su ciò che hai affermato e accettare l'orientamento sessuale che emerge.

Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Pugelli)


Pubblicato in data 18/12/08

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: omosessualità rapporto sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’attività sessuale praticata attraverso le...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni