Pubblicità

Capire le emozioni al di là delle espressioni facciali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1932 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L'intelligenza emotiva è implicata nell'analisi di tanti aspetti, non solo NELle microespressioni  del volto.

espressioni facciali emozioni news

Quando si deve interpretare lo stato mentale altrui, il contesto - cosi come lo sfondo e l'azione - sono degli indicatori importanti tanto quanto l'espressione del viso ed il linguaggio del corpo.

L'attore James Franco sembrava felice quando registrò il videodiario nel film "127 ore", ma appena la telecamera fa uno zoom su di lui, si nota che il suo braccio è schiacciato sotto una roccia, il che rivela che il suo sorriso è falso e nasconde la sua agonia.

Lo studio del team di ricerca dell'Università della California di Berkeley, pubblicato sul giornale "Proceedings of the National Academy of Sciences", ha sfidato tutte le ricerche recenti sull'intelligenza emotiva che come abilità principale per rivelare le emozioni negative e positive, ponevano esclusivamente il riconoscere i segnali delle espressioni facciali.

"Il nostro studio rivela che il riconoscimento delle emozioni, è fornito dal contesto tanto quanto dal volto" ha spiegato il capo autore dello studio Zhimin Chen, dottorato in psicologia alla UC Berkeley. I ricercatori hanno oscurato i volti ed i corpi degli attori in molti video presi da scene di film di Hollywood o amatoriali.

A dispetto dell'invisibilità virtuale dei caratteri, cento partecipanti sono stati accurati nell'interpretare le emozioni esaminando semplicemente lo sfondo e le interazioni con l'ambiente circostante. Il modello di "affective tracking" ("tracciamento emotivo") che Chen ha creato per lo studio ha permesso ai ricercatori di valutare momento per momento come le persone interpretavano le emozioni dei personaggi.

Il metodo di Chen ha collezionato una grande quantità di dati in un breve periodo, e potrebbe eventualmente essere utilizzato per misurare come le persone con disturbi come schizofrenia ed autismo, interpretino le emozioni in tempo reale ed aiutarli nella diagnosi.

"Alcune persone hanno deficit nel riconoscimento di espressioni facciali, ma possono riconoscerle attraverso il contesto. Per gli altri, vale l'opposto" ha spiegato Chen. Inoltre, i risultati fatti con un'analisi statistica delle valutazioni effettuate dai soggetti sui video, possono essere informativi per lo sviluppo di una tecnologia di riconoscimento visivo.

Pubblicità

"Diverse compagnie stanno sviluppando dei dispositivi con degli algoritmi di apprendimento di riconoscimento emotivo, ma i modelli si basano solo sui volti. La nostra ricerca mostra che le facce non rivelano le emozioni in modo totalmente accurato rispetto alla analisi del contesto" ha spiegato Chen.

Per lo studio, Chen e l'autore senior David Whitney, uno scienziato della UC di Berkeley, hanno testato le abilità nel riconoscimento delle emozioni su 400 giovani adulti. Gli stimoli visivi che sono stati utilizzati erano dei video di scene di film di Hollywood, documentari e video amatoriali che mostravano le risposte emotive in un setting naturale.

I partecipanti valutavano dal vivo le emozioni dei video, questo per dar modo ai ricercatori di tracciare il cursorse del mouse del partecipante che si muoveva nello schermo, processando le informazioni visive del partecipante e valutando momento per momento il riconoscimento delle emozioni.

Nel primo dei 3 esperimenti, 33 partecipanti vedevano delle interazioni in un video tra due personaggi, uno veniva oscurato e bisognava capire l'emozione che provava. I risultati mostravano che i partecipanti riuscivano ad inferire l'emozione del personaggio oscurato basandosi non soltanto sulle interazioni interpersonali ma anche su quello che succedeva nello sfondo.

Poi, 200 partecipanti dello studio vedevano dei video che mostravano interazioni in 3 condizioni diverse: in uno tutto era visibile, in un altro il personaggio veniva oscurato e nell'ultima il contesto era oscurato. I risultato mostrava che il contesto era importante tanto quanto il riconoscimento del volto per decodificare le emozioni.

Nell'esperimento finale, 75 partecipanti allo studio vedevano dei video da documentari o amatoriali cosi che i ricercatori potessero confrontare il riconoscimento emotivo effettuato in un ambiente più naturale. Le tre condizioni erano identiche all'esperimento precedente, e, nuovamente, il contesto era cruciale per l'inferire le emozioni dei personaggi cosi come le espressioni facciali e la postura.

"Tutti i risultati suggeriscono che il contesto non sia solo sufficiente nella percezione dell'emozione, ma anche necessario per percepire l'emozione" ha concluso Whitney, professore di psicologia della UC di Berkeley.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni volto linguaggio del corpo news di psicologia intelligenza artificiale espressioni facciali espression contesto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni