Pubblicità

Facebook: l'autostima modifica la reazione al ritratto di sé

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1446 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Le persone con una bassa autostima non si sentono in grado di presentarsi in modo autentico sul sito di social network Facebook, secondo una nuova ricerca pubblicata su Computers in Human Behavior.

autostima Facebook"Facebook è un sito ricco per le ricerche, che consente varie forme di coinvolgimento degli utenti, ma anche una notevole esposizione di informazioni. La precedente evidenza nella letteratura sui social media indica che Facebook è un'arma a doppio taglio".

"Un'arma a doppio taglio in cui l'impegno con la piattaforma può influire positivamente o negativamente sul benessere soggettivo degli utenti", ha detto Wonseok (Eric) Jang, un assistente professore al Texas Tech University e corrispondente autore dello studio.

Pubblicità

"Gli studi hanno rilevato che alcune forme di supporto sociale (ad esempio, il pulsante "Mi piace" o commenti di supporto) degli amici di Facebook risultano in un maggior grado di benessere soggettivo degli utenti, mentre altre ricerche hanno documentato che quando gli utenti di Facebook adottano una mentalità comparativa, l'impegno con Facebook abbassa il benessere soggettivo tramite sentimenti di invidia", ha detto Jang.

"A causa di questi modelli conflittuali, eravamo interessati ad esaminare se il tipo di strategia di auto-presentazione che gli utenti adottano sulla piattaforma influenza ciò che ne ricavano dall'uso di Facebook, in particolare se i benefici psicologici derivati dal coinvolgimento con il medium dipendono dal livello di autostima."

I ricercatori hanno esaminato due modi diversi in cui le persone possono dipingersi sui siti di social network: vera auto-presentazione e auto-presentazione strategica. Nel primo caso, le persone forniscono una riflessione onesta di se stessi e della propria vita. Nel secondo caso, le persone rivelano selettivamente solo i contenuti positivi per creare un'impressione più favorevole di se stessi.

Nello studio, 278 utenti di Facebook sono stati istruiti a pubblicare contenuti che riflettessero il loro vero sé o sé strategico su Facebook prima di completare un questionario scientifico.

I ricercatori hanno scoperto che la vera auto-presentazione era associata a una maggiore felicità dopo la pubblicazione su Facebook solo per gli utenti con grande autostima, non per gli utenti con bassa autostima. L'auto-presentazione strategica, d'altra parte, ha reso felici sia gli utenti di autostima sia quelli di bassa e bassa stima.

"I nostri risultati suggeriscono che gli utenti con bassa autostima possono utilizzare Facebook come piattaforma efficace per migliorare il loro senso di benessere soggettivo, mettendo in evidenza le loro caratteristiche più desiderabili", ha detto Jang a PsyPost. "In generale, gli individui con bassa autostima sono riluttanti ad esprimere le loro caratteristiche positive agli altri perché non sono sicuri della propria immagine e si percepiscono come meno socialmente attraenti rispetto alle persone con alta autostima".

"Nel contesto di Facebook, abbiamo scoperto che le persone percepiscono la piattaforma dei social media come un ambiente relativamente sicuro perché gli utenti possono determinare i propri amici e controllare ciò che condividono. Le opportunità di imbarazzo sono quindi ridotte rispetto alle interazioni di persona, che sono più imprevedibili. Le persone con bassa autostima possono quindi utilizzare Facebook come piattaforma per condividere aspetti di se stessi, incluse le loro caratteristiche più desiderabili e positive per migliorare la loro attrattiva e, a loro volta, aumentare il loro benessere soggettivo."

Lo studio ha alcune limitazioni.

"Non è ancora chiaro se il guadagno in benessere soggettivo che stiamo osservando per gli utenti con bassa autostima sia duraturo o scompaia rapidamente", ha spiegato Jang. "Gli utenti di Facebook possono migliorare il loro livello di benessere soggettivo subito dopo la pubblicazione di nuovi messaggi o immagini, ma tali benefici potrebbero decadere a lungo andare, o anche abbastanza rapidamente."

"La ricerca futura dovrebbe esaminare se l'uso di Facebook ha effetti a breve o lungo termine sul benessere soggettivo degli utenti e altri risultati positivi. Sarebbe particolarmente interessante esaminare se tali effetti siano determinati dal tipo di strategia di auto-presentazione (ad es., Presentando un vero sé vs. rappresentando un sé strategico) che gli utenti adottano mentre interagiscono con gli altri."

"In questo momento di difficoltà per Facebook e altre piattaforme di social media, pensiamo che indagare sui risultati a lungo termine dall'uso regolare e coerente dei social media dovrebbe essere prioritario", ha aggiunto Jang. "Al momento, c'è ancora una comprensione limitata del fatto che gli effetti di Facebook sul benessere degli utenti siano di breve durata o duraturi."

"Tale intuizione potrebbe avere implicazioni importanti per un più ampio atteggiamento pubblico nei confronti di queste crescenti vie di influenza sociale. Pertanto, gli studiosi dovrebbero incorporare progetti longitudinali nella loro ricerca sui social media e considerare un'influenza sostenuta sulla psicologia degli utenti ".

Lo studio, "Self-esteem moderates the influence of self-presentation style on Facebook users’ sense of subjective well-being", è stato creato da Wonseok (Eric) Jang, Erik Bucy e Janice Cho.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: autostima facebook news di psicologia social

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni