Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'arresto dell'esercizio fisico diminuisce il flusso sanguigno cerebrale

on . Postato in News di psicologia | Letto 598 volte

Le  persone che smettono di svolgere l' esercizio fisico  mostrano una riduzione del flusso ematico cerebrale in regioni del cervello  importanti per il mantenimento della salute.

cervello e fussoChe impatto  ha la cessazione dell'esercizio fisico sul nostro cervello? In una nuova ricerca condotta presso l' " University of Maryland School of Public Health" i ricercatori hanno esaminato il flusso sanguigno cerebrale di atleti adulti (età 50-80 anni) prima e dopo un periodo di 10 giorni, durante i quali hanno smesso di svolgere atività sportiva.

Il dottor Smith e colleghi hanno misurato la velocità del flusso di sangue nel cervello con una risonanza magnetica, sia nella fase in cui i soggetti conducevano l'allenamento sportivo, sia dopo dieci giorni in cui non era stato effettuato alcun tipo di esercizio fisico.

Essi hanno scoperto che, quando non si svoge esercizio fisico, il flusso ematico cerebrale a riposo diminuisce significamente in otto regioni del cervello, comprese le aree dell'ippocampo destro e sinistro e regioni note per essere parte della "rete di modalità di default" del cervello -  rete neurale che tende a deteriorarsi rapidamente nelle demenze.

Come afferma il  Dr J. Carson Smith, professore associato di chinesiologia e autore principale dello studio, l'ippocampo gioca un ruolo importante nell'apprendimento e nella memoria, ed è una delle prime regioni del cervello a ridursi nelle persone con malattia di Alzheimer.

Nei roditori, l'ippocampo risponde all'esercizio fisico, aumentando la crescita di nuovi vasi sanguigni e nuovi neuroni e, soprattutto nelle persone anziane, l'esercizio fisico può aiutare a proteggere tale struttura dal deterioramento.

Quindi, è possibile affermare che anche se si  smette di svolgere l' esercizio fisico solo per  10 giorni, si verifica  una riduzione del flusso ematico cerebrale in regioni del cervello  importanti per il mantenimento della salute del cervello ".

Quando si è poco "fisicamente attivi", con l'aumentare dell'età,  si hanno maggiori probabilità di avere problemi cognitivi e demenze. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che evidenziano come le capacità cognitive peggiorano dopo l'arresto dell'esercizio per soli 10 giorni.

Il dottor Smith ritiene che questo studio potrebbe avere importanti implicazioni per la salute del cervello negli adulti più anziani, e sottolinea la necessità di ulteriori ricerche per capire quanto velocemente si verifichino questi cambiamenti,  quali effetti a lungo termine potrebbero generarsi, e quanto velocemente potrebbero essere invertiti quando l'esercizio viene ripreso.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: cervello memoria apprendimento salute rete neurale ippocampo risonanza magnetica flusso ematico demenze

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

News Letters