Pubblicità

L'arresto dell'esercizio fisico diminuisce il flusso sanguigno cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1264 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le  persone che smettono di svolgere l' esercizio fisico  mostrano una riduzione del flusso ematico cerebrale in regioni del cervello  importanti per il mantenimento della salute.

cervello e fussoChe impatto  ha la cessazione dell'esercizio fisico sul nostro cervello? In una nuova ricerca condotta presso l' " University of Maryland School of Public Health" i ricercatori hanno esaminato il flusso sanguigno cerebrale di atleti adulti (età 50-80 anni) prima e dopo un periodo di 10 giorni, durante i quali hanno smesso di svolgere atività sportiva.

Il dottor Smith e colleghi hanno misurato la velocità del flusso di sangue nel cervello con una risonanza magnetica, sia nella fase in cui i soggetti conducevano l'allenamento sportivo, sia dopo dieci giorni in cui non era stato effettuato alcun tipo di esercizio fisico.

Essi hanno scoperto che, quando non si svoge esercizio fisico, il flusso ematico cerebrale a riposo diminuisce significamente in otto regioni del cervello, comprese le aree dell'ippocampo destro e sinistro e regioni note per essere parte della "rete di modalità di default" del cervello -  rete neurale che tende a deteriorarsi rapidamente nelle demenze.

Come afferma il  Dr J. Carson Smith, professore associato di chinesiologia e autore principale dello studio, l'ippocampo gioca un ruolo importante nell'apprendimento e nella memoria, ed è una delle prime regioni del cervello a ridursi nelle persone con malattia di Alzheimer.

Nei roditori, l'ippocampo risponde all'esercizio fisico, aumentando la crescita di nuovi vasi sanguigni e nuovi neuroni e, soprattutto nelle persone anziane, l'esercizio fisico può aiutare a proteggere tale struttura dal deterioramento.

Quindi, è possibile affermare che anche se si  smette di svolgere l' esercizio fisico solo per  10 giorni, si verifica  una riduzione del flusso ematico cerebrale in regioni del cervello  importanti per il mantenimento della salute del cervello ".

Quando si è poco "fisicamente attivi", con l'aumentare dell'età,  si hanno maggiori probabilità di avere problemi cognitivi e demenze. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che evidenziano come le capacità cognitive peggiorano dopo l'arresto dell'esercizio per soli 10 giorni.

Il dottor Smith ritiene che questo studio potrebbe avere importanti implicazioni per la salute del cervello negli adulti più anziani, e sottolinea la necessità di ulteriori ricerche per capire quanto velocemente si verifichino questi cambiamenti,  quali effetti a lungo termine potrebbero generarsi, e quanto velocemente potrebbero essere invertiti quando l'esercizio viene ripreso.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: cervello memoria apprendimento salute rete neurale ippocampo risonanza magnetica flusso ematico demenze

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni