Pubblicità

L'espressione di alcuni geni può influenzare la vulnerabilità al PTSD

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 398 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo studio identifica la potenziale importanza di un gene nel cervello e di un gene nel sangue.

Lespressione di alcuni geni può influenzare la vulnerabilità al PTSD

I risultati di un nuovo studio suggeriscono che se determinati geni vengono espressi - attivati ​​o disattivati ​​- possono svolgere un ruolo nella suscettibilità al disturbo post-traumatico da stress (PTSD). Lo studio, condotto da un team internazionale guidato dagli investigatori del McLean Hospital e pubblicato sulla rivista Cell Reports, può fornire spunti per la prevenzione e il trattamento della PTSD.


Di fronte a traumi ripetuti, prolungati o gravi, alcuni individui sembrano essere più sensibili al PTSD mentre altri sono resistenti. Identificare quali individui possono essere sensibili al PTSD - e perché - può aiutare i ricercatori a sviluppare interventi efficaci.

Per indagare, gli scienziati hanno utilizzato i dati genetici di 195.684 individui (29.539 con PTSD e 166.145 senza), raccolti dal Consorzio di genomica psichiatrica - Gruppo PTSD (PGC-PTSD), per prevedere i modelli di espressione dei geni nel cervello e in altri tessuti in base a modelli di apprendimento automatico. Il team ha scoperto che due geni geneticamente previsti erano espressi a livelli diversi in soggetti con PTSD rispetto a quelli senza PTSD.

Gli individui con PTSD tendevano ad avere un'espressione più bassa di un gene chiamato SNRNP35 nel cervello e un'espressione più alta di un gene chiamato ZNF140 nel sangue.
I ricercatori hanno notato che l'espressione di SNRNP35 sembra essere importante in una regione del cervello coinvolta nella gestione dello stress. Hanno anche scoperto che somministrare ai topi un'alta dose di ormone dello stress riduce l'espressione del gene SNRNP35 nel cervello.

Pubblicità

Per quanto riguarda il gene ZNF140, è noto che la proteina codificata dal gene influisce sull'espressione dei geni nelle cellule immunitarie che circolano nel sangue. Pertanto, un'espressione più elevata di ZNF140 può influenzare la risposta immunitaria del corpo per aumentare la suscettibilità al PTSD.

"Il nostro studio fornisce una tabella di marcia per gli studi di follow-up per collegare il rischio di PTSD con popolazioni vulnerabili e per sviluppare e validare test biologici e "individuare proteine target per farmaci" per la prevenzione e il trattamento", ha detto l'autore principale Nikolaos P. Daskalakis, MD, PhD, direttore di Neurogenomics and Translational Bioinformatics Laboratory presso McLean Hospital.

I ricercatori hanno osservato che sono necessari ulteriori studi per scoprire i meccanismi dettagliati alla base degli effetti dei diversi geni sulla suscettibilità e sulla resilienza del PTSD.
"L'identificazione delle influenze genetiche del PTSD potrebbe aiutarci a capire come il corpo risponde alle esperienze traumatiche e può indicare nuovi interventi per aiutare i pazienti affetti", ha affermato l'autore senior Kerry J. Ressler, MD, PhD, direttore scientifico e capo del McLean Hospital Centro di eccellenza nei disturbi della depressione e dell'ansia.


Journal Reference:


Laura M. Huckins, Chris Chatzinakos, Michael S. Breen, Jakob Hartmann, Torsten Klengel, Ana C. da Silva Almeida, Amanda Dobbyn, Kiran Girdhar, Gabriel E. Hoffman, Claudia Klengel, Mark W. Logue, Adriana Lori, Adam X. Maihofer, Filomene G. Morrison, Hoang T. Nguyen, Yongjin Park, Douglas Ruderfer, Laura G. Sloofman, Sanne J.H. van Rooij, Dewleen G. Baker, Chia-Yen Chen, Nancy Cox, Laramie E. Duncan, Mark A. Geyer, Stephen J. Glatt, Hae Kyung Im, Victoria B. Risbrough, Jordan W. Smoller, Dan J. Stein, Rachel Yehuda, Israel Liberzon, Karestan C. Koenen, Tanja Jovanovic, Manolis Kellis, Mark W. Miller, Silviu-Alin Bacanu, Caroline M. Nievergelt, Joseph D. Buxbaum, Pamela Sklar, Kerry J. Ressler, Eli A. Stahl, Nikolaos P. Daskalakis. Analysis of Genetically Regulated Gene Expression Identifies a Prefrontal PTSD Gene, SNRNP35, Specific to Military Cohorts. Cell Reports, 2020; 31 (9): 107716 DOI: 10.1016/j.celrep.2020.107716

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: geni, PTSD vulnerabilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni