Pubblicità

La depressione accelera l'invecchiamento cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1365 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Gli psicologi dell'Università del Sussex hanno trovato un legame tra la depressione e la velocità alla quale il cervello invecchia.

depressione invecchiamentoAnche se gli scienziati hanno precedentemente riferito che le persone con depressione o ansia hanno un aumentato rischio di demenza in età avanzata, questo è il primo studio che fornisce una prova completa per l'effetto della depressione sul declino della funzione cognitiva complessiva (noto anche come stato cognitivo), in una popolazione generale.

Per lo studio, pubblicato giovedì 24 maggio 2018, sulla rivista Psychological Medicine, i ricercatori hanno condotto una solida revisione sistematica di 34 studi longitudinali, con l'accento sul legame tra depressione o ansia e declino della funzione cognitiva nel tempo.

Pubblicità

Le prove di oltre 71.000 partecipanti sono state combinate e riviste. Includendo le persone che presentavano sintomi di depressione e quelle che erano state diagnosticate come clinicamente depresse, lo studio osservava il tasso di declino dello stato cognitivo complessivo - comprendente perdita di memoria, funzione esecutiva (come il processo decisionale) e velocità di elaborazione delle informazioni - negli anziani.

È importante sottolineare che gli studi condotti su partecipanti a cui è stata diagnosticata la demenza all'inizio dello studio sono stati esclusi dall'analisi. Ciò è stato fatto per valutare più in generale l'impatto della depressione sull'invecchiamento cognitivo nella popolazione generale.

Lo studio ha rilevato che le persone con depressione hanno sperimentato un declino maggiore nello stato cognitivo nell'età adulta più avanzata di quelle senza depressione.

Poiché esiste un lungo periodo pre-clinico di diversi decenni prima che la demenza possa essere diagnosticata, i risultati sono importanti per gli interventi precoci poiché attualmente non esiste una cura per la malattia.

Gli autori principali del documento, Dr Darya Gaysina e Amber John del Laboratorio EDGE (Ambiente, Sviluppo, Genetica ed Epigenetica in Psicologia e Psichiatria) dell'Università del Sussex, chiedono una maggiore consapevolezza dell'importanza di sostenere la salute mentale per proteggere il cervello salute in età avanzata.

La dott.ssa Gaysina, docente di psicologia e EDGE Lab Lead, commenta: "Questo studio è di grande importanza - le nostre popolazioni stanno invecchiando a un ritmo rapido e il numero di persone che vivono con capacità cognitive e demenza decrescenti è destinato a crescere in modo sostanziale i prossimi trenta anni.

"I nostri risultati dovrebbero dare al governo un motivo in più per prendere sul serio i problemi di salute mentale e garantire che le risorse sanitarie siano adeguatamente finanziate. Dobbiamo proteggere il benessere mentale dei nostri anziani e fornire solidi servizi di supporto a coloro che soffrono di depressione e ansia per salvaguardare la funzione cerebrale in età avanzata ".

La ricercatrice Amber John, che ha svolto questa ricerca per il suo dottorato di ricerca presso l'Università del Sussex, aggiunge: "La depressione è un problema di salute mentale comune - ogni anno almeno 1 persona su 5 esperisce sintomi di depressione nel Regno Unito. Ma le persone che vivono con la depressione non dovrebbero disperare. - non è inevitabile che vedrete un maggiore declino delle capacità cognitive e l'adozione di misure preventive come l'esercizio, la pratica della consapevolezza e l'assunzione di trattamenti terapeutici raccomandati, come la terapia cognitiva comportamentale, si sono dimostrati utili nel sostenere il benessere, che a sua volta può aiutare a proteggere la salute cognitiva in età avanzata".

Lo studio "Affective problems and decline in cognitive state in older adults: a systematic review and meta-analysis" è a cura di A. John, U. Patel, J. Rusted, M. Richards, D. Gaysina.

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione invecchiamento demenza news di psicologia declino cognitivo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

News Letters

0
condivisioni