Pubblicità

Perchè alcuni uomini sono aggressivi nei confronti delle donne che li rifiutano?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2943 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La ricerca suggerisce una relazione positiva tra la sessualizzazione culturale occidentale e la probabilità delle donne di subire danni.

aggressività uomini

Negli ultimi tempi, grazie anche a movimenti come #MeToo, i riflettori sono sempre accesi sui crimini legati al sesso, soprattutto quelli degli uomini verso le donne. Di conseguenza molti ricercatori hanno rivolto la loro attenzione alla comprensione di ciò che causa certi comportamenti.

I ricercatori australiani Khandis R. Blake, Brock Bastian e Thomas F. Denson hanno esaminato l'effetto della sessualizzazione delle donne sull'aggressione degli uomini nei loro confronti. L'ipotesi di base è che gli uomini si comporterebbero in maniera più aggressiva verso le donne sessualizzate rispetto alle donne non sessualizzate, indicando la sessualizzazione come fattore causale di un aumento dell'eccitazione sessuale degli uomini. La conseguenza sarebbe stata che gli uomini che avevano sperimentato livelli di aggressività più alti si sarebbero sentiti sessualmente più dominanti rispetto alle donne.

L'esperimento era così composto: uomini single eterosessuali (in totale 157) interagivano con un video preregistrato di una donna sessualizzata o non sessualizzata. Gli veniva detto che erano collegati ad un portale per incontri e la ragazza era una studentessa in un'altra università.

Prima del compito gli veniva somministrato un questionario che misura i livelli tipici di aggressione, seguito dal video preregistrato di una donna sessualizzata (indossava vestiti sexy e era aperta al sesso occasionale) o non sessualizzata (indossava vestiti neutri e non era aperta al sesso occasionale): Subito dopo il video, gli uomini completavano un sondaggio che misurava l'attivazione dell'obiettivo sessuale e successivamente ricevevano un feedback scritto dove si affermava che la donna del video era interessata a una frequentazione.

Pubblicità

Nella parte finale dell'esperimento era previsto un paradigma di aggressione in cui veniva detto agli uomini che stavano gareggiando con la donna del video in un compito sui tempi di reazione. Vincendo la prova, l'avrebbero colpita con un rumore bianco, scegliendone anche l'intensità e la durata. In caso di sconfitta sarebbero stati colpiti, presumibilmente dalla donna. Questo ha permesso ai ricercatori di misurare l'aggressività degli uomini nei confronti di quella donna che li aveva precedentemente rifiutati.

Gli uomini assegnati alla condizione "sessualizzata" riferivano livelli elevati di obiettivi sessuali e l'aggressività, misurata tramite il paradigma di aggressione, si è rivelata correlata positivamente all'attivazione dell'obiettivo sessuale dopo il rifiuto, confermando quindi le ipotesi dei ricercatori. Quando gli uomini erano associati a una donna sessualizzata, sentivano che lei sarebbe stata più disponibile e, quando queste donne li rifiutavano, di conseguenza, si sentivano più colpiti nell'ego. Quando si aspettavano un "sì" ma in realtà lei li rifiutava, provavano una maggiore delusione rispetto alla situazione in cui pensavano di non avere nessuna possibilità fin dall'inizio

L'idea del "diritto al sesso" che alcuni uomini hanno nei loro schemi sociali, potrebbe spiegare il perché di questi atteggiamenti aggressivi. Quando gli uomini pensano di avere diritto ad avere un rapporto sessuale con una donna, dimostrano meno autocontrollo e si rischia così di sostenere i ruoli tradizionali di genere e, di conseguenza, aumenta la probabilità di essere aggressivi nei confronti delle donne.

Alcune ricerche precedenti, addirittura, spiegano che basta la semplice attivazione dell'obiettivo sessuale negli uomini per provocare atteggiamenti ostili verso le donne, indipendentemente dal fatto che siano sessualizzate o meno. Un evoluzione delle studio potrebbe essere quella di replicare lo studio, avvicinandolo a una situazione più naturale come quella di mettere gli uomini e le donne in un interazione faccia a faccia.

Pubblicità


Questo studio cerca di fare chiarezza sui motivi dell'aggressività degli uomini verso le donne e mostrano come la sessualizzazione della donna, in sé e per sé, non provoca direttamente aggressività ma aumenta l'attivazione degli obiettivi sessuali negli uomini, che a loro volta possono aumentare l'aggressività.

Questo non è assolutamente un invito alle donne a scegliere un abbigliamento meno sessualizzato, per evitare di "mostrare" la loro disponibilità nei confronti degli uomini, o di fare attenzione a come interagiscono con tali uomini. Inoltre, gli uomini devono saper agire sui loro impulsi aggressivi e soprattutto gestire in modo sano un rifiuto o una delusione.

 

fonte

  • , Contexts for Men’s Aggression Against Women, Encyclopedia of Evolutionary Psychological Science, 10.1007/978-3-319-16999-6_888-1, (1-9), (2018).

 

 

Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: donne aggressività uomini comportamento aggressivo violenza sulle donne news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra sportiva...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni