Pubblicità

Arredare lo studio di uno psicologo o di uno psicoterapeuta

0
condivisioni

on . Postato in Vita da Psicologo | Letto 3461 volte

4.7 1 1 1 1 1 Votazione 4.70 (10 Voti)

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la qualità e le qualifiche dei loro psicologi e/o psicoterapeuti dal modo in cui arredano i loro studi privati.

come arredare lo studio di uno psicologoL'influenza di tale percezione è stata scoperta quando ai partecipanti allo studio sono state mostrate le foto degli uffici di psicologi e psicoterapeuti.

I partecipanti allo studio hanno poi giudicato i professionisti della salute mentale, dando voti più alti a quelli i cui uffici erano ordinati e puliti, decorati con tocchi morbidi come cuscini e tappeti, e che presentavano tocchi personali come diplomi e foto incorniciate.

Le persone sembrano essere d'accordo su come dovrebbe essere l'ufficio di un buon psicologo e/o psicoterapeuta e, soprattutto, su come non dovrebbe essere”, ha riferito Jack Nasar, co-autore dello studio.

Che sia attraverso l'apprendimento culturale o qualcos'altro, le persone pensano di poter giudicare i loro psicologi o psicoterapeuti basandosi solo su come viene arredato e presentato l'ufficio”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Journal of Counseling Psychology; la ricerca ha coinvolto diversi esperimenti in cui le persone hanno visionato 30 fotografie a colori digitali degli attuali studi di psicologia e psicoterapia a Manhattan.

Le foto mostravano una vista dalla sedia dello psicologo e/o psicoterapeuta e dell'ufficio circostante dalla prospettiva di dove si sarebbe seduto il cliente.

Complessivamente, 242 studenti universitari hanno partecipato allo studio – circa il 60% dei quali avevano già consultato uno psicoterapeuta per sé stessi.

Pubblicità

I ricercatori non hanno riscontrato differenze nei risultati tra coloro che avevano visto uno psicologo e/o psicoterapeuta e coloro che non lo avevano fatto, tra uomini e donne, tra persone di diverse età o residenti in una piccola città del nord-est e residenti in una grande città del Midwest, suggerendo che i risultati sono generalizzabili, ha confermato Nasar.

Prima dell'inizio dello studio, 12 laureati hanno valutato ciascuno dei 30 uffici su una vasta gamma di caratteristiche, come la pulizia, la spaziosità e la capacità di personalizzazione.

Nel primo studio, agli studenti è stato chiesto di immaginare di consultare uno psicologo e/o psicoterapeuta per un problema emotivo.

Mentre guardavano ogni foto, è stato chiesto loro di valutare ogni ufficio per la qualità delle cure attese e di quanto si sentissero a loro agio.

Hanno valutato queste qualità su una scala Likert di 7 punti da molto scarsa a molto buona. I partecipanti hanno asserito che si sarebbero sentiti più a loro agio, aspettandosi delle migliori cure in quegli uffici che sono stati giudicati più ordinati e che presentavano più tocchi personali, come un cuscino, diplomi appesi al muro o foto.

Hanno anche pensato che il loro senso di agio potesse dipendere da un ambiente più “morbido”, ossia un ufficio in cui fossero presenti sedie, tappeti, lampade da tavolo, piante e tappeti.

In un secondo studio, i partecipanti hanno evidenziato che gli uffici ordinati, personalizzati e più morbidi appartenessero a psicologi e/o psicoterapeuti più audaci e più qualificati. Gli uffici classificati come più morbidi richiamavano inoltre un senso di maggior comfort.

Un terzo studio ha chiesto ai partecipanti di visualizzare le foto e di scrivere semplicemente il primo pensiero o sentimento che gli veniva in mente riguardo alla

E in uno studio finale, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di scegliere in quali uffici avrebbero voluto andare se avessero dovuto vedere uno psicologo e/o psicoterapeuta e quali avrebbero voluto evitare.

Gli uffici più quotati hanno evidenziato l'importanza della 'morbidezza' e dell'ordine”, ha affermato Nasar. “Per i primi cinque uffici, i partecipanti hanno descritto più spesso l'ufficio come confortevole, bello, pulito, accogliente e invitante”.

Al contrario, i cinque uffici in ultima posizione erano descritti come angusti, disordinati, scomodi e poco professionali.

I partecipanti erano più d'accordo sugli uffici “peggiori” di quanto non fossero in merito ai migliori.

Le persone sono meno d'accordo su ciò che rende un ufficio accogliente e confortevole, ma gli aspetti negativi si sono distinti per loro in modo coerente”, ha riferito Nasar.

Gli psicologi/psicoterapeuti che hanno lavorato nei primi cinque uffici sono stati anche immaginati in modo più favorevole - più organizzato, professionale, amichevole, esperto – di quelli negli ultimi cinque uffici.

Tuttavia, vi erano anche stereotipi di genere associati agli uffici, ha proseguito Nasar. Gli psicologi/psicoterapeuti negli uffici più votati avevano più probabilità di essere visti come uomini, mentre quelli con punteggio più basso venivano più spesso identificati come donne.

Pubblicità

La ricerca ha quindi evidenziato come i giudizi sulle persone a partire dai luoghi che occupano sono spesso accurati. Anche qualora non lo fossero, le percezioni sono importanti e gli psicologi e/o psicoterapeuti dovrebbero prendere sul serio tali aspetti.

Questi risultati suggeriscono che qualcuno che visita per la prima volta uno psicologo e/o psicoterapeuta in un ufficio con basso punteggio potrebbe non volerci ritornare più”.

Può sembrare ovvio che le persone giudicheranno qualcuno dall'ufficio che li ospita, ma si è anche osservato che questi uffici variano molto. Ci sono psicologi e/o psicoterapeuti che non lo sanno o a cui non importa che stiano mandando cattivi segnali ai loro clienti.

Nasar ha detto che l'intera categoria professionale dovrebbe prendere sul serio queste scoperte.

Direi agli psicologi e psicoterapeuti di mantenere i loro uffici morbidi e amichevoli. Appendi i tuoi diplomi e personalizza l'ufficio. Organizza tutto in modo pulito e ordinato e mantienilo in questo modo”, ha concluso Nasar.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: psicologo psicoterapeuta studio prefessionale ufficio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

News Letters

0
condivisioni