Pubblicità

Ansia prima degli esami? 10 suggerimenti per sconfiggerla!

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1272 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Scopriamo insieme i modi migliori per affrontare e sconfiggere la terribile ansia che rischia di travolgerci prima, durante e dopo un esame.

Ansia prima degli esamiCi siamo passati e ci passiamo tutti e per certi versi è anche normale: prima di un esame, siamo nervosi e stressati. E questo perché siamo insicuri del risultato, perché qualsiasi prova ci mette in discussione, perché potremmo essere "sconfitti" e questo non ci fa piacere.

Insomma, ci troviamo in una situazione niente affatto piacevole ma, come detto, può essere normale ed accettabile.

Il problema diventa complesso, invece, quando l'ansia che ci accompagna assume una forza eccessiva al punto da poterci impedire di affrontare l'esame che abbiamo di fronte e quindi di portarci dritto verso il fallimento e la sconfitta.

E' in occasioni come questa che cerchiamo di usare i più svariati rimedi per sopravvivere a questa ansia così negativa e limitante.

Di rimedi sembrano esisterne tanti e tanti ce ne vengono suggeriti da amici e partenti, ma quali possono davvero aiutarci e riportarci ad una ansia "normale"?

Abbiamo individuato 10 semplici tecniche, basate sui risultati provenienti dalla ricerca scientifica, che possono essere usati efficacemente per placare l’Ansia da esame.

Cosa fare prima del test.

1. Dormite di più.

Niente nottate di studio intensivo, soprattutto la sera prima del test. La scienza ci dice che è meglio dormire e riposarsi.

Se sacrificate le vostre preziose ore di sonno, è più probabile, infatti, che il giorno dopo avrete maggiori difficoltà di concentrazione e minore prontezza nel completare con successo il vostro esame.

2. Definite la routine di studio.

Studiate nello stesso posto e nelle stesse ore ogni giorno.

La scienza ci dice che, così facendo, il vostro cervello elaborerà questi indizi e definirà quello che è il momento da dedicare solo allo studio.

In questo modo, aumenteranno anche impegno, disciplina e concentrazione, utili a superare con successo il vostro esame.

3. Ricordatevi i vostri punti di forza.

Scrivetevi, su un pezzo di carta da tenere ben in vista, almeno cinque dei vostri punti di forza, che vi ricordino chi siete e cosa conta di più per voi.

Il vostro valore non dipende certo da come andrà un singolo esame e voi non avete bisogno di ricordare chi siete e quanto valete ma la scienza ci dice che in particolari mementi di insicurezza è bene ricordarselo, e una iuto in tal senso certo non guasta!

Cosa fare il giorno del test

4. Mangiate bene prima del test.

La scienza ci invita a nutrirci bene prima di affrontare un tale investimento di energie.

D’altronde, sarebbe molto difficile concentrarsi e riuscire a superare un esame con il continuo brontolio nello stomaco! Quindi, forza, assumete cibo prima per non rimanere senza energie durante l'esame!

Pubblicità

5. Mantenete la prospettiva.

Ricordatevi sempre che questo è solo un esame. Di certo, non sarà esso a determinare il vostro valore! Non vi state giocando il tutto per tutto ma state affrontando una semplice prova da cui dipende solo una parte della vostra vita, non tutta la vostra vita!

6. Siate eccitati, più che ansiosi.

Invece di pensare solo a quanto siete nervosi (“Sono un fascio di nervi!”), cercate di pensare “Sono eccitato per questo esame! Sento che, così, il mio corpo mi sta preparando a superarlo!”.

La ricerca ha dimostrato, infatti, che se si trasforma l’ansia da prestazione in eccitazione, si hanno maggiori possibilità di avere successo, perché il nostro corpo ci aiuta a recuperare le risorse necessarie per raggiungere l’obiettivo.

Cosa fare durante il test

7. Leggete bene le istruzioni.

Prima di tutto, occorre leggere attentamente la/e consegna/e.

In seguito, bisogna fare lo stesso con le opzioni di risposta, con lo spazio a disposizione (nel caso di domande aperte) e con la lunghezza complessiva del test.

Quindi, pensate al tempo che avete a disposizione e a come poterlo impiegare, per non correre il rischio di tralasciare qualche dettaglio o di non poter rispondere a tutti i quesiti.

Una volta che vi siete fatti un’idea dell'esame nella sua globalità, potete cominciare ad analizzare ogni singola domanda nelle sue singole parole, con calma e cercando di inquadrare, mentalmente, gli argomenti da esporre.

8. Combattete i vostri pensieri negativi.

Non è raro che, soprattutto all’inizio di un esame, possano prevalere, sulla vostra lucidità, i pensieri negativi (“Non ce la farò”, “E’ troppo lungo”, “Ho poco tempo”, “Non ricordo nulla”, “E’ difficile”, …).

Fate un bel respiro… E buttate via tutti i dubbi e le insicurezze!
Affrontate questa vostra ansia, ripetendovi che, in fin dei conti, è solo un esame: in questo modo, riconoscerete le vostre preoccupazioni e le affronterete, senza esserne sopraffatti.

Quindi, un altro bel respiro…. Ed iniziate il vostro esame!

9. Cominciate dalle domande più facili.

Al fine di gestire al meglio il tempo a disposizione, e di combattere l’ansia in aumento, il consiglio è di iniziare dalle domande che vi sono sembrate più facili: rispondendo velocemente ad esse, potrete dedicarvi di più a quelle che ritenete più impegnative, sulle quali avete bisogno di riflettere bene.

Non solo: iniziare a scrivere è, forse, il modo più efficace per mettere da parte l’Ansia, riacquistare fiducia in voi stessi e nelle vostre capacità e rafforzare la convinzione di poter superare l'esame brillantemente!

Cosa fare dopo l'esame

10. Godetevi il vostro successo.

Ci siamo: l'esame è finito!
Ora dedicatevi uno spazio ed un tempo per assaporare il vostro successo: regalatevi dei momenti solo per voi, per gustare il vostro traguardo e premiarvi per aver saputo arrivare fino alla fine!
Sarà un momento personale e particolare da godere con sé stessi ma sarà anche un momento da ricordare quando dovrete affrontare il vostro prossimo esame!

 

Bene, siete arrivati fino in fondo e i consigli che vi abbiamo dato sembrano semplici e scontati ma (come sempre c'è un ma) non dimenticate che vi è una grande differenza fra una situazione "calma" ed una situazione in cui siamo "in ansia" e in quei momenti perdere la lucidità e la capacità di agire semplicemente è facile e, sopratutto, dannoso.

Perciò quello che adesso, a mente fredda, sembra facile ed immediato (quasi banale) diviene molto più complesso da affrontare durante una crisi di ansia. Fissate bene i 10 suggerimenti e sarà semplice ed efficace usarli nel momento giusto. Auguri!



(Articolo a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: ansia esame ansia da prestazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

News Letters

0
condivisioni