Pubblicità

Come l'orientamento temporale può salvare il pianeta

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 641 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

L'inquinamento, il riscaldamento globale ed un uso eccessivo delle risorse hanno provocato un cambiamento climatico del pianeta ed e' in atto una discussione mondiale su questo tema.

Orientamento tempo

Infatti, il 15 Dicembre 2018 c'è stata a Katowice in Polonia la COP24, la "Conferenza Mondiale sul Cambiamento Climatico".

E' un tema attuale ed è importante discutere e porre delle sanzioni e dei limiti a chi inquina il pianeta, ma bisogna anche educare i cittadini ad un consumo non eccessivo delle risorse naturali come ad esempio l'acqua. Le scelte a favore dell'ambiente includono un conflitto interno tra i bisogni individuali presenti ed i potenziali benefici futuri. Un esempio potrebbe essere il bisogno di farsi una doccia lunga e rigenerante o l'innaffiare a lungo il giardino rispetto ad un uso moderato di acqua a fronte di possibili minacce come la siccità. Rispetto ai benefici potenziali, è assodato che 'ora' o 'presto' sono generalmente più allettanti rispetto a 'più tardi'.

Un articolo di Wittman e Sircova pubblicato sul giornale Heliyon spiega come la percezione del tempo influenzi i comportamenti a favore dell'ambiente. I due autori si occupano di psicologia del tempo e della personalità ed indagano la percezione che hanno le persone del tempo e come questo influisce sui loro comportamenti e sulla loro personalità: ad esempio un comportamento di una persona impulsiva sarà quello di reagire alla situazione immediata senza pensare alle possibili conseguenze nel tempo della sua azione. L'impulsività è quindi definita come una 'miopia temporale estrema' o una 'dominanza dell'orientamento verso il presente'. Al contrario, le persone che sono orientate di più verso il futuro sono capaci di analizzare i comportamenti più rilevanti moralmente ad un alto livello di astrazione e sono anche bravi nel predire le future conseguenze potenziali nel dettaglio.

Molti studi confermano che le persone orientate più sul futuro, rispetto a quelle orientatate di più verso il presente, mostrano comportamenti più a favore dell'ambiente come evitare di prendere la macchina se si devono fare percorsi brevi. Un orientamento forte sul presente - che non sia impulsivamente orientato sullo stimolo ("Io voglio il mio premio adesso") ma consapevole- è inserito in un contesto di psicologia ecologica come ulteriore predittore positivo di comportamenti eco-sostenibili. Una consapevolezza orientata sul presente è collegata ad una coscienza di sè a favore della natura. In sostanza, se ti senti parte della natura, non getti l'immondizia per terra e non inquini.

Pubblicità

I comportamenti eco-sostenibili si evolvono in atteggiamenti di cura dell'ambiente come forma di auto-cura. Ci si sente un tutt'uno con l'ecosistema del pianeta. Quando si inquina l'aria, l'acqua, la terra, si inquina chi respira quell'aria, chi beve quell'acqua e chi mangia da quel terreno. Quindi, cosi come il tratto di personalità con orientamento verso il futuro, anche un orientamento consapevole verso il presente è un tratto positivo nelle persone che dovrebbe promuovere lo sviluppo di misure di contrasto al cambiamento climatico dovuto all'inquinamento.

Giusto per essere chiari, la dominanza di un singolo orientamento temporale non può essere considerato ottimale per il funzionamento umano sano. Un focus troppo forte sul futuro può potenzialmente compromettere la qualità della vita presente. Avere un'esistenza benefica a livello emotico dipende dalla capacità edonistica di vivere il momento, come accettare spontaneamente di passare una serata con amici. Ma non sempre bisogna scegliere tra il vivere cogliendo l'attimo oppure all'inseguimento di obiettivi a lungo termine.

Si può anche avere un orientamento temporale bilanciato in cui è possibile cambiare il proprio atteggiamento passando da un divertimento edonistico ad un pensare ad obiettivi futuri. "Per salvare l'eco-sistema del pianeta sarebbe di aiuto che più persone avessero una prospettiva temporale bilanciata. Si dovrebbero educare i bambini ad avere questo tipo di orientamento affinchè in futuro possano vivere felicemente nel presente senza avere conseguenze negative nel futuro" hanno concluso gli autori.

Riferimenti Bibliografici:

  • Wittmann, M., & Sircova, A., (2018): "Dispositional orientation to the present and future and its role in pro-environmental behavior and sustainability." in "Heliyon".

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: tempo orientamento percezione del tempo benessere e salute cambiamento climatico inquinamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni