Pubblicità

Drunkoressia: dipendenza o disturbo del comportamento alimentare?

0
condivisioni

on . Postato in Psicologia del Comportamento Alimentare | Letto 1565 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

La Drunkoressia è una nuovo comportamento, molto in voga tra i giovani. Gli studiosi analizzano gli aspetti principali di questa nuova moda.

drunkoressia o drunkorexiaLa Drunkoressia (o drunkorexia) è una nuovo comportamento, molto in voga tra i giovani, che consiste o nel digiunare o nel mettere in atto condotte di eliminazione ripetute, al fine di compensare la quantità di calorie assunte durante le grandi bevute (binge drinking).

Anche conosciuta come “Comportamento Compensatorio Inappropriato per evitare l’Assunzione di Peso dovuto al consumo di Alcol” (Inappropriate Compensatory Behavior to avoid Weight Gain from consuming Alcohol o ICB-WGA), esso è stata osservato, in primis, in diversi campus universitari.

Un nuovo studio, il primo del suo genere, pubblicato su “Eating Disorder Behaviors”, ha esaminato il collegamento tra ICB-WGA ed altri schemi di comportamento disturbato. I ricercatori erano interessati, inoltre, a verificare se il sesso avesse un ruolo in questa connessione.

Nessuno studio precedente aveva testato se l’ICB-WGA è correlato più all’abuso di sostanze o ai Disturbi dell’Alimentazione, il che potrebbe avere implicazioni future per la ricerca in questi campi”, ha spiegato il Dr. Tyler K. Hunt, ricercatore principale del progetto.

Il gruppo ha valutato, a tal fine, 579 studenti della Midwestern University. Il 53% dei partecipanti era costituito da donne ed il 47% da uomini.

I partecipanti hanno completato una serie di questionari, ovvero:

  • Eating Pathology Symptoms Inventory (EPSI): questo questionario è usato per misurare l’estensione con la quale i partecipanti hanno assunto alcuni comportamenti non appropriati riguardo al cibo, nelle ultime due settimane. Esso contiene affermazioni, quali “Ho saltato due pasti di fila”.
  • Alcohol Use Disorders Identification Test (AUDIT): questa intervista contiene domande che valutano i comportamenti riguardo il bere sregolato. Alcune domande sono, ad esempio: “Quanto spesso, durante l’ultimo anno, hai capito che non eri capace di smettere di bere una volta che avevi iniziato?” e “Tu o qualcun altro è stato ferito a causa del tuo bere?”.
  • ICG-WGA Questionnaire: questo strumento, sviluppato dal gruppo di ricerca, include cinque affermazioni, disegnate per valutare con quale frequenza i partecipanti avessero assunto comportamenti compensatori e di binge-drinking nelle ultime due settimane. Le affermazioni includono: “Ho saltato un pasto per compensare le calorie assunte con l’alcol” e “Ho eseguito degli esercizi fisici energici per compensare le calorie assunte bevendo”.

I risultati hanno determinato che gli studenti che avevano assunto alcuni comportamenti incontrollati nell’alimentazione avevano probabilità di incorrere anche nell’ICB-WGA. In particolare, le condotte collegate più comuni erano saltare i pasti, un’alimentazione sregolata, l’esercizio eccessivo e quelle di eliminazione.

Pubblicità

I risultati mostravano anche un forte collegamento tra l’abuso di alcol e l’ICB-WGA, indicando che questo schema di comportamento condivideva le proprietà di entrambi i disturbi.

In più, gli scienziati hanno trovato risultati simili tra uomini e donne: entrambi i sessi, infatti, avevano probabilità di assumere dei comportamenti sregolati nel mangiare e nel bere. Gli uomini, in particolare, avevano più probabilità di mangiare in modo incontrollato sotto l’effetto dell’alcol, mentre le donne erano più propense a saltare i pasti e ad un esercizio eccessivo.

Secondo gli studiosi, quanto emerso potrebbe avere importanti implicazioni per la ricerca ed il trattamento futuri.

Questi individui potrebbero avere un rischio alto di sviluppare successivamente sia un Disturbo dell’alimentazione che una Dipendenza”, ha concluso il Dr. Hunt. “C’è bisogno di ulteriori ricerche per identificare gli sviluppi e le conseguenze potenziali dell’ICB-WGA e per sviluppare programmi di prevenzione secondaria volti a ridurre la probabilità che esso sfoci in un Disturbo dell’Alimentazione e nell’abuso di sostanze”.

Fonte: PsyPost.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: Disturbo del comportamento alimentare drunkorexia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni