Pubblicità

Dipendenze comportamentali: un argomento spinoso e pericoloso

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 3387 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Non tutte le passioni della vita rappresentano un disturbo mentale.

dipendenze 1Un piccolo cambiamento avvenuto nel DSM-V potrebbe causare dannose conseguenze non intenzionali.

Nel DSM V, il concetto di dipendenza si è notevolmente esteso per includere, non solo i disturbi per l’uso compulsivo di sostanze, ma anche una vasta gamma di comportamenti socialmente accettati ma, effettuati in maniera spropositata e compulsiva.

Nel nuovo Manuale Diagnostico, il Gioco d’azzardo, considerato precedentemente come un  Disturbo Compulsivo, viene definito e classificato come una Dipendenza Comportamentale.

Le dipendenze comportamentali, infatti, si manifestano quando nel soggetto vi è un forte bisogno di dover praticare una determinata attività.

Pertanto, anche se non vi è assunzione di sostanze chimiche, tale dipendenza comportamentale presenta delle analogie con le tossicodipendenze.

Entrambe, infatti, sono caratterizzate dallo stesso quadro clinico di:
Tolleranza: necessità di svolgere attività o assumere dosi progressivamente sempre più alte della stessa sostanza per avere gli effetti precedentemente ricevuti.
Ritiro sociale
Uso compulsivo: assunzione continuativa della sostanza o ripetizione dell’attività per un periodo più lungo del previsto.

Dal punto di vista neurobiologico è stato evidenziato infatti, che alla base di queste dipendenze, si attivano gli stessi circuiti neurali.

In ambito clinico, la "dipendenza" viene definita come un alterazione del comportamento, dove un attività o l'uso di sostanze, originariamente svolte per divertimento, diventano azioni compulsive e ripetute continuamente.

Ciò che era iniziato per puro divertimento si è evoluto in un comportamento disadattivo, dove l’individuo diventa schiavo delle proprie passioni.

La sostanza o il comportamento diventano così profondamente radicati, tanto che l’individuo si sente in dovere di continuare l’azione, nonostante sia consapevole di ricevere solo una piccola ricompensa momentanea e delle conseguenze terribili.

La caratteristica in comune predominante tra la dipendenza da sostanze e Gioco d'azzardo è riferita alla distinzione cruciale tra l'uso compulsivo (indice di disturbo mentale) e l’uso ricreativo (considerato normale).

L'uso ricreativo di sostanze o di comportamento come il gioco d'azzardo non possono essere considerate delle dipendenza fino a quando la persona non svolge continuamente azioni o attività dedite alla dipendenza, anche quando non risultano più essere piacevoli e provocano dei danni personali sociali e lavorativi per l’individuo affetto.

Nella stesura del DSM V è stato presa  in considerazione l’idea, alla fine respinta, di inserire altre dipendenze comportamentali come:

La dipendenza da Internet: Definita anche come "Internet Addiction".
Tale dipendenza è caratterizzata da uso eccessivo di Internet associato a irritabilità e umore negativo se privati dell’attività.
Una piccola percentuale di utenti soddisfa i criteri di dipendenza standard di tolleranza, ritiro, uso compulsivo, e compromissione clinicamente significativa.

Pubblicità

Per tali individui i rischi possono essere considerevoli. Il soggetto può ritirarsi dal mondo reale e può  trascorrere giorni interi in rete, senza sosta. Ciò comporta gravi rischi per la salute psicofisica dei soggetti affetti, i quali, in casi estremi,  possono giungere alla morte.

In questi casi possiamo definire l’utilizzo di internet come patologico, ma il rischio più grande è quello di attribuire un disturbo mentale a tutti coloro che svolgono questa attività per lavoro o divertimento.


Dipendenza da caffeina: la caffeina è una sostanza, come la nicotina, che causa dipendenza, ma a differenza di quest’ultima non genera sempre uno stato di intossicazione e di ansia clinicamente rilevante.
Tale dipendenza non rientra nel DSM V perché l’itilizzo della sostanza  è comune e di solito innocua.
Dipendenza sessuale o "Sex addiction"  Questa dipendenza porta il soggetto affetto a focalizzare i propri pensieri e sentimenti alla ricerca esclusiva dell’atto per soddisfare i propri bisogni.
Non ha senso rischiare di etichettare, in maniera erronea, la stragrande maggioranza delle persone come “mentalmente disordinata" al fine di comprendere coloro che effettivamente svolgono l’attività in maniera compulsiva.   

In conclusione, possiamo dire che, le attività che vengono svolte per passione o divertimento non devono essere etichettate come  "disturbi mentali" solo perché svolte in maniera costante e ripetitiva.
Nel definire una "dipendenza comportamentale" bisogna considerare e saper scindere l’attività o l’uso di sostanze svolto per divertimento dall’uso pericolosamente compulsivo.

Ora che il gioco d'azzardo è stata definita una dipendenza comportamentale, vi è un forte rischio di categorizzare e estendere il concetto di dipendenza anche a quelle attività  come sesso, shopping, lavoro, esercizio fisico, golf, surf,  hobby, e tutti quei settori di attività svolte per puro divertimento e passione.

Questa “medicalizzazione” della vita di tutti i giorni potrebbe rendere pazienti tutti noi, portando a serie conseguenze negative.
Essere dipendenti riduce il senso di controllo e responsabilità
Attribuire e utilizzare in maniera inappropriata questo termine indebolisce la responsabilità personale dell’individuo, il quale può giungere a svolgere azioni o reati, ingiustificati solo perché affetto da un disturbo mentale.

 

Tratto da Psychology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della dottoressa Ilaria Addorisio De Feo)
 
 
 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 
 

Tags: dipendenza irritabilità tolleranza passioni nicotina umore negativo uso compulsivo uso ricreativo gioco d'azzardo disturbo mentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters

0
condivisioni