Pubblicità

Il cervello viene influenzato dalle voci aggressive

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 745 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le voci intimidatorie monopolizzano l'attenzione del cervello più a lungo rispetto alle voci felici.

voce arrabbiata

 

Sentire qualcuno gridare o essere sgridato da qualcuno, mette in allarme la mente ed è praticamente impossibile concentrarsi su qualsiasi altra cosa, anche in seguito al suono della voce arrabbiata che sta monopolizzando l'ambiente circostante. Nel lato prosociale, anche il genitore più gentile, utilizzera il potere di una voce arrabbiata, per mettere in allerta il bambino, che sta per mettere il suo benessere in pericolo.

Dal punto di vista maladattivo, utilizzando un tono di voce aggressivo è un tratto significativo di persone sempre arrabbiate. La maggior parte dei leader non tendono a parlare utilizzando toni di gioia; come parte del loro viaggio verso il potere, riconoscono che una voce allegra non ha lo stesso impatto disorientatnte, come quello provocato dall'arrabbiarsi sempre ed dall'essere impilsivi.

Ma quale spiegazione neuroscientifica c'è dietro l'abilità di una voce aggressiva di catturare l'attenzione?

Per prima cosa, in nuova ricerca dell'University of Geneva (UNIGE) sono stati identificati specifici meccanismi cerebrali che ci allertano per potenziali pericoli, concentrando la nostra attenzione su una voce arrabbiata per quasi il doppio del tempo del suono di una voce che esprime gioia. Queste scoperte sono state recentemente pubblicate nella rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience.

Pubblicità

Al fine dello studio, i ricercatori hanno monitorato l'elaborazione dell'ascolto attenzionale nel cervello utilizzando l'Elettroencefalografia (EEG) mentre i partecipanti dello studio hanno elaborato 22 brevi suoni di voce umana (600 millesecondi) che hanno espresso o rabbia o gioia. Quando i partecipanti ascoltavano una voce aggressiva, il cervello spendeva maggiori significative risorse nell'attenzione spaziale per identificare precisamente da dove la voce provenisse, tentando cioè di individuare il luogo di una minaccia potenziale.

In particolare quando i partecipanti ascoltavano voci aggressive, il cervello si trovava in un alto stato di allerta e operava due differenti tipi di risorse attenzionali per individuare dove si trovava la voce arrabbiata nella stanza. La capacità di identificare potenziali minacce, utilizzando le nostre orecchie è la chiave per la sopravvivenza evolutiva.

"Ecco perché siamo interessati alla velocità con cui la nostra attenzione risponde alle diverse intonazioni delle voci intorno a noi e al modo in cui il nostro cervello affronta situazioni potenzialmente minacciose", ha spiegato l'autore Nicolas Burra dell' UNIGE "Quando il cervello percepisce un suono emozionale target, l'attività del N2ac (un segnale cerebrale dell'attenzione uditiva) si è attivata dopo 200 millisecondi. Tuttavia, quando percepisce rabbia, il segnale N2ac è amplificato e dura di più mentre questo non accade nel caso della gioia".

Pubblicità

Dopo 400 millisecondi, il segnale dell'attenzione N2ac nei confronti delle voci aggressive appare disinnescato e altri segnali cerebrali chiamati “LPCpc” entrano in azione. Questi segnali per l'attenzione spaziale uditiva sono utilizzati per perfezionare la localizzazione del suono dal bilanciamento della stimolazione dallo spazio uditivo sinistro e destro. L'attività è stata più forte per le voci arrabbiate rispetto a quelle felici.

Gli autori riassumono così le loro ricerche "Le misure dei segnali N2ac e LPCpc hanno suggerito differenti selettività attenzionali per le voci minacciose e felici. I nostri risultati rivelano che il rapido coinvolgimento verso stimoli minacciosi, così come il rapido disinnescamento, sono meccanismi neuronali fondamentali che si verificano sia nella modalità visiva che uditiva. E' stato rilevato un generale e dinamico principio per l'organizzazione della relazione tra attenzione spaziale e localizzazione minacciosa, nel sistema nervoso centrale".

 

riferimenti bibliografici

  • Nicolas Burra, Dirk Kerzel, David Munoz, Didier Grandjean, Leonardo Ceravolo. "Early Spatial Attention Deployment Toward and Away from Aggressive Voices." Social Cognitive and Affective Neuroscience (First published: November 9, 2018) DOI: 10.1093/scan/nsy100

 

 

 

Articolo a cura della Dottoressa Giulia Inglese

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello attenzione per saperne di più voci voci aggressive

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni