Pubblicità

Il trauma dello stupro

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1361 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Se cerchi un significato alla parola stupro, scopri che in latino vuol dire “onta” e “disonore” e capisci che l’esperienza della violenza carnale non è solo qualcosa di fisico, ma una ferita interna che lacera in profondità la psiche della donna in quanto attacca direttamente il “sé”, quello interno e quello sociale. A volte lo disintegra.

Il trauma dello stuproAd ogni narrazione di violenza, compare sempre la solita domanda colma di incredulità e paura: “Perché?” “Per quale ragione accade?”. Ce lo siamo chiesti ieri con i sadici di Manduria e gli stupratori di Viterbo o con quelli della Circumvesuviana di Napoli, ma ritorna oggi, più che mai angosciante, quando veniamo a sapere che una quindicenne è aggredita e stuprata in pieno giorno lungo una ciclabile, mentre se ne torna a casa.

Un perché insistente e pieno di angoscia che chiede spiegazioni della barbarie di certi eventi, ma che spesso trova risposte semplificate e parziali. Perché la rabbia che avverti nei confronti dei responsabili di questi crimini, in genere non tiene conto di quella che possiamo chiamare una diffusa cultura della violenza e dello stupro. Altrimenti non riesci a spiegarti i dati ISTAT (2017) che indicano per l’Italia una media di 11 stupri al giorno!

Così si insidia il sospetto che tutte le volte la nostra indignazione si esaurisca in fretta e sopraggiunga la dimenticanza o la rimozione dei fatti. In questo modo lo stupro rimane immutato nel tempo e si riproduce all’infinito come un rito reso ineluttabile, in quanto giustificato dalle necessità fisiche dei maschi o, come spesso si pensa, attivato dagli atteggiamenti provocatori delle femmine. È allora che diventa difficile rispondere al “perché ci sono alcuni uomini che stuprano le donne”.

Se cerchi un significato alla parola stupro, scopri che in latino vuol dire “onta” e “disonore” e capisci che l’esperienza della violenza carnale non è solo qualcosa di fisico, ma una ferita interna che lacera in profondità la psiche della donna in quanto attacca direttamente il “sé”, quello interno e quello sociale. A volte lo disintegra.

Lo stupro assomiglia a una rapina a mano armata che ti porta via ciò che ti appartiene di più intimo e ti sottrae sicurezza e fiducia come pure la capacità di difenderti e, a volte, la voglia di vivere. Se poi è l’esperienza agghiacciante prodotta dal branco, la violenza del gruppo esaspera l’angoscia perché porta la vittima direttamente al confine della crudeltà umana, dove diventa più sottile la soglia di quella pulsione vitale che ti serve per difenderti e proteggerti. La sensazione di impotenza è totale, quasi assimilabile a quella della morte imminente che paralizza e inchioda.

Pubblicità

Nelle donne che per ragioni professionali ho incontrato e che mi hanno portato i gesti della violenza subita e l’onta di quel male indicibile che ha ferito l’anima, ho trovato sempre un dolore immenso e profondo collegato alla sensazione della perdita della propria identità personale.

Un’esperienza traumatica il cui vissuto più forte è la frantumazione unita ad una sensazione devastante di sconfitta. Non è solo la paura di ritrovarti addosso lo stupratore, ma un tunnel scuro dove l’esperienza della brutalità maschile ha annientato il piacere della vita.

Allora per tornare a vivere dopo il trauma, non basta ridurre l’ansia e orientare la rabbia o semplicemente parlare e raccontare di ciò che è accaduto. Serve ridurre la sintomatologia che è pur sempre invalidante, ma più di ogni altra cosa conta ricostruire i tessuti interni, rigenerare le funzioni vitali che hanno a che fare con le risorse personali, riattivare la fiducia in se stessi e la capacità di rielaborare la sofferenza e il lutto.

Si tratta di avviare una narrazione psicoterapeutica complessa e specifica rispetto alla ferita generata dalla violenza, perché è l’incontro con il sentimento di disgregazione e con l’impotenza, con la vergogna e il senso di colpa che ha significato. Solo se si riesce a trasformare l’umiliazione e l’angoscia, la disperazione e la rabbia verso se stessi tipica di chi ha subito questa offesa profonda, è possibile pensare che un paziente e lento lavoro terapeutico possa servire a ricostruire la speranza e ridare fiducia alla vita.

 

(Articolo a cura del Prof. Giuseppe Maiolo - Università di Trento
Responsabile del sito www.officina-benessere.it)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: violenza stupro trauma violenza di genere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters

0
condivisioni