Pubblicità

Relazioni di coppia e confini personali

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 832 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Nelle relazioni di coppia è fondamentale stabilire dei confini sani perché consente di non trascurare i propri bisogni, restando comunque attenti a ciò che gli altri vivono e sentono.

Relazioni di coppia e confini personaliSi sente spesso parlare dell'importanza di stabilire dei limiti personali nelle nostre vite. Ma creare confini sani è più facile a dirsi che a farsi! Avere dei confini significa onorare noi stessi come individui separati con bisogni e desideri che spesso differiscono dagli altri.

In assenza di confini sani, si permette agli altri di ignorare i nostri stessi sentimenti e desideri.

L'assenza dei confini crea una differenziazione tra ciò che desideriamo per noi stessi e ciò che gli altri vogliono da noi.

I confini, in questo contesto specifico, potrebbero essere intesi come un'espressione esterna di un'autoaffermazione interna, che si traduce nella conoscenza e affermazione di ciò che è importante per noi.

In primo luogo, bisogna sapere cosa stiamo vivendo all'interno delle relazioni di coppia. Ci sentiamo imbarazzati o arrabbiati dal commento offensivo di un altro? Vogliamo realmente dire di sì per andare a trovare i suoceri durante le vacanze o preferiamo fare qualcos'altro insieme al partner?

A volte ciò che gli altri ci chiedono – un favore, un appuntamento o uscire con gli amici del nostro partner - è ben accetto.

Pubblicità

Altre volte, potremmo essere sommersi dai nostri progetti o dai nostri obblighi e semplicemente non avere il tempo - non vogliamo perseguire qualcosa che ci renderebbe infelice.

Ci vuole tempo per chiarire cosa ci sembra “giusto” e cosa no.

L'affermazione dei nostri bisogni e desideri inizia “premendo il pulsante pausa”.

La psicologa Tara Brach la chiama “la pausa sacra” - rallentando e rimanendo presente in ciò che si sta vivendo in quel momento.

I confini all'interno delle relazioni di coppia sono un'espressione di autoaffermazione, che inizia facendo una pausa abbastanza lunga da notare ciò che troviamo soddisfacente per noi e cosa no.

Una via di mezzo

Esprimere un “si”, un “no” o un “forse” non significa indulgere alle nostre tendenze narcisistiche ed essere ignari di come stiamo influenzando gli altri, ma non significa nemmeno accogliere abitualmente gli altri senza considerare come ciò ci influenzerà.

Ad un estremo, raramente si prende in considerazione ciò che realmente si vuole o desidera; una situazione di questo tipo può facilmente innescare meccanismi di co-dipendenza in cui, per compiacere l'altro, l'individuo mette da parte se stesso.

Forse, il desiderio di essere amati è così forte da spingere il soggetto ad evitare qualsiasi espressione personale che potrebbe portare a disaccordi o conflitti.

Bypassare i bisogni personali con l'obiettivo di mantenere un clima di pace è una strada insidiosa, perchè contaminata da risentimento e frustrazione.

Ad un altro estremo, l'eccessiva concentrazione su sé stessi porta il soggetto a non considerare minimamente come il proprio comportamento possa influenzare le persone che gli stanno intorno.

Questa eccessiva modalità di restare autocentrati, porta alla strutturazione di confini molto rigidi, in cui non c'è spazio per l'altro.

I confini rigidi all'interno delle relazioni di coppia sono spesso espressione di un ciclo distruttivo in cui si continua ad esigere dall'altro in modo incessante, determinando una saturazione della coppia che, nel tempo, potrebbe disgregarsi.

Tuttavia, la parola “confini” potrebbe implicare qualcosa di rigido, ma in realtà, stabilire dei confini sani è un'arte raffinata perchè consente di non trascurare i propri bisogni, restando comunque attenti a ciò che gli altri vivono e sentono.

Trovare una via di mezzo arriva con l'esperienza; è uno dei doni della maturità. Ci vuole tempo, pratica ed errori per raggiungere la consapevolezza dei propri limiti e desideri.

Pubblicità

Attraverso la pratica della conversazione, in cui si onorano sentimenti e bisogni personali senza perdere di vista l'esperienza altrui, si crea un clima favorevole per le relazioni intime.

Il percorso per creare confini sani significa entrare in un processo collaborativo con le persone.

Solo attraverso il mantenimento di confini flessibili, si possono creare nuove connessioni, consolidare e approfondire quelle esistenti.

Pertanto, conoscere e impostare abilmente dei confini è un'abilità essenziale per vivere relazioni di coppia e una vita appagante e connessa.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: benessere relazione coppia confini personali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni