Pubblicità

Non credo di farcela (1444927466345)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 878 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoDoppia M, 18

 

D

 


Salve a tutti, in realtà non so se quello che sto scrivendo verrà letto ma ho bisogno di scrivere, ho bisogno di risposte alle mie domande.

Ho quasi diciotto anni e sono sempre stata la ragazzina timida che arrossiva se la guardavi. Credevo che questa timidezza non fosse un problema ma semplicemente una "parola" lontana totalmente da me.
Mi ritrovo adesso a combattere con le mie insicurezze, ansie e paure. Credevo fossero solo un problema legato agli ormoni, ma ho notato che questo senso di tristezza e malinconia è sempre presente in me, certo con gli altri indosso un sorriso a 2324 denti ma appena entro in camera mia quella maschera crolla ed è la fine.
Non riesco a parlare di fronte alle persone, mi blocco. Quando la professoressa mi interroga, non parlo. Resto immobile, in silenzio.
Un pò conduco la mia vita sempre in disparte, guardo tutto e tutti e riesco a scrutare ogni dettaglio, eppure non parlo e non dico niente. Ho creduto di poter risolvere i miei problemi da sola ed invece peggioro sempre di più! Lo so, in adolescenza tutto sembra difficile.
Quando ho capito che c'era qualcosa che non andava? Quando mi sono ritrovata un estate intera a casa da sola senza alcun amico accanto.
Si, ho i miei genitori, quindi teoricamente sola proprio non sono ma credetemi sono talmente iperprotettivi che non mi lasciano fare niente, come se volessero proteggermi dal mondo senza rendersi conto che peggiorano solo le cose.
In più ora direte perchè non provi a parlare con loro di questo tuo "problema"? Semplice non capirebbero, direbbero che è solo una fase di passaggio o che stia facendo la vittima.
Ho un fratello più piccolo che va anche lui da uno psicologo (qualcosa di simile) da quando è piccolino. e quindi non vorrei essere un peso ulteriore.
Passo le giornate a studiare e guardare serie tv, sono le uniche cose che apparentemente mi distraggono da ciò che mi sta capitando.
Perchè non parlo? Sono depressa? non credo.
Perchè ho allontanato tutti? Perchè sono un disastro? Perchè le altre persone riescono ad essere normali? Perchè io devo sentirmi sempre diversa dagli altri? Perchè devo sempre affezionarmi a tutti? Cosa ho che non va? Che senso ha andare avanti così?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R

 


Gentilissima, la tua sofferenza è evidente, ma ci sono molti modi per alleviarla, primo tra tutti parlare, con un professionista.
È evidente la paura che ti domina ma che ti potrebbe anche spingere ad attuare dei cambiamenti per stare meglio. Il non aver desiderio di fare nulla, stare sempre isolati, non sentire nessuna spinta vitale sono sintomi di una situazione problematica e a volte depressiva. Per affrontarla ed uscirne è assolutamente necessario chiedere aiuto.
Hai 18 anni quindi se non vuoi gravare economicamnete sui tuoi genitori per rivolgerti ad uno psicologo potresti trovare un lavoretto part time (anche baby sitter o volantini o quello che senti piu facile per te) e con quei soldi rivolgerti ad uno specialista.
Ne esistono di molto bravi e competenti che non hanno prezzi alti, inoltre se pagata con il tuo lavoro e quindi con un valore aggiunto in piu molto importante  viene presa in considerazione la tariffa ridotta.
Non lasciarti scoraggiare e inizia a cercare le risposte alle tue domande.

 

(a cura della Dottoressa Luisa Bonomi)

 

Pubblicato in data 16/11/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: problema bisogno adolescenza risposte domande timida

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni