Pubblicità

Come capire se un rapporto sta giungendo al capolinea

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2236 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Captare alcuni segnali può aiutare a prevenire la fine di un rapporto

Fine relazione Affrontare la fine di un rapporto è una delle esperienze più difficili che le persone possano affrontare nella vita.

La "fine" reale di un rapporto non avviene da un momento all’altro, ma piuttosto avviene nel corso del tempo, in conseguenza ad una serie di eventi che non hanno un ordine preciso.

Di seguito tre “segnali di allarme” del deterioramento di un rapporto:

1) Smettete di chiedere al partner com’è andata la sua giornata

Una volta che si smette di preoccuparsi di come è stata la giornata del proprio partner, si è perso ogni interesse per l'altro e semplicemente non ci si prende più abbastanza cura di quella persona per far perdurare la relazione nel tempo.

Non preoccuparsi del vostro partner è diverso dal non chiedere come sia andata la sua giornata solo perché magari siete arrabbiati con lui/lei o perché temporaneamente non parlate dopo un bisticcio.

Il vero campanello d’allarme è quando vi accorgete che state perdendo interesse nei confronti della persona che avete accanto.

Soluzione: se siete infelici da po', è il momento di avere un incontro a tu per tu con il vostro partner in cui affermiate le vostre esigenze, che non sono sempre soddisfatte nella relazione.
Chiedete al vostro partner se lui o lei è felice e condividete le vostre emozioni. Chiedete se lui o lei è disposto/a ad apportare alcune modifiche per migliorare la relazione, utilizzando degli esempi molto specifici.

Se entrambi non siete disposti ad affrontare i cambiamenti che l'altro chiede, è necessario che abbiate una discussione onesta per capire se sia il momento di cominciare seriamente a pensare di porre fine alla relazione.

2) Voi o il vostro partner continuate ad insistere per fare sesso, ma l'altro non ha alcun interesse o semplicemente non lo farà

Molti matrimoni – molti di più rispetto a quanto la maggior parte delle persone sposate vogliono ammettere – “sopravvivono” senza che ci sia sesso regolarmente o di frequente nella coppia.

Di solito, però, chi vuole più sesso incorre in due possibili soluzioni: o inizia a cercare “vie di fuga”, oppure trova mentalmente un modo per accettare il sacrificio.

Ma se uno dei due fa pressione per il sesso, il rapporto sarà messo a dura prova da conflitti interminabili e tensioni, che spesso portano alla fine della relazione.

Soluzione: il sesso è un argomento “scottante” da affrontare nei rapporti, che attinge sentimenti primitivi e forti e che spesso crea discussioni o risentimenti che sono troppo grandi da gestire per una coppia.

Se il problema nel vostro rapporto è di tipo sessuale e si vuole veramente far funzionare la relazione, prendete seriamente in considerazione l’idea di rivolgervi ad uno psicoterapeuta esperto in terapia di coppia, almeno per una o due sessioni.
Spesso solo un consulente esterno può aiutare le coppie a mediare questo tema complesso e delicato.

3) Avete già sperimentato una rottura impulsiva e siete tornati insieme dopo poco tempo

Molte coppie arrivano ad una rottura impulsiva, quando i partner sono esasperati dal rapporto, salvo poi tornare insieme dopo pochi giorni o dopo un mese.
In questo modo, anche quando si torna insieme, i sentimenti originali che hanno causato la rottura impulsiva sono ancora lì, ribollono sotto la superficie.
Per molti di questi rapporti, tornare insieme significa semplicemente posporre un esito inevitabile: in realtà l'orologio continua a ticchettare verso l'inevitabile data di scadenza della relazione.

Soluzione: una volta che siete tornati insieme, chiedetevi se siete felici e sereni nel vostro rapporto.
Se state ancora lottando con alcuni sentimenti che hanno contribuito alla rottura, parlatene con degli amici fidati e ascoltate il loro parere.

Ponetevi le seguenti domande:
È giusto volere che determinate cose cambino nel rapporto? Ho dato al mio partner abbastanza tempo per cambiare? Sono pronto ad essere davvero felice in un rapporto, oppure ho bisogno di avere un certo livello di conflitto o di “strappi alle regole”?

Se ci si confida con alcuni amici saggi e ragionevoli, i loro consigli possono essere utili tanto quanto la consulenza di un buon terapista.

Se riconoscete uno di questi “segnali di allarme” all’interno del vostro rapporto, è necessario affrontare la situazione direttamente parlandone con il vostro partner.
Anche se affrontare questi problemi provoca ansia, pensate che l'ansia è molto più gestibile ora rispetto a quanto potrebbe esserlo se questa continua a ribollire dentro di voi!

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia sesso relazione coppia discussioni terapia di coppia segnali di allarme cura interesse risentimenti rottura impulsiva amici

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

News Letters

0
condivisioni