Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

I rischi causati dai social ai nostri figli!

on . Postato in News di psicologia

I ricercatori mettono in guardia i genitori da potenziali danni di messaggi on-line sui loro figli.

on lineCiò che i genitori condividono con gli altri sui loro figli in quest’epoca digitale presenta nuovi rischi e spesso imprevisti, secondo una nuova ricerca presentata presso l'American Academy of Pediatrics (AAP) nel 2016 durante la Conferenza Nazionale a San Francisco. (Venerdì 21 ottobre)

Il pediatra Bahareh Keith, DO, MHSC, FAAP, e professore di diritto Stacey Steinberg, JD, presenteranno il compendio, "Quello che i genitori dovrebbero condividere: privacy del bambino privacy nell'era dei Social Media e il ruolo del pediatra," che si basa su un'ampia revisione della dottrina medica che circonda l'argomento. In esso, si incoraggiano i pediatri di fornire ai genitori sane regole circa l’informativa on-line relativi ai loro figli.

I genitori spesso creano prime impronte digitali dei loro figli. Precedenti ricerche hanno dimostrato che il 92 % dei bambini di 2 anni negli Stati Uniti hanno una presenza online, e circa un terzo fa la sua prima apparizione su siti di social media all'interno delle loro prime 24 ore di vita.

"La quantità di informazioni posto nel mondo digitale dei nostri figli nel giro di pochi anni è impressionante", ha detto il dottor Keith, direttore del salute globale pediatrica e assistente professore di pediatria presso l'Università di Medicina della Florida. "I genitori spesso cercano di capire come proteggere meglio i bambini mentre il bambino sta usando Internet. Tuttavia, i genitori, tra cui io, inizialmente, non sempre considerano come il loro uso dei social media può influenzare il benessere dei loro figli."

I social media offrono molti vantaggi alle famiglie, ha asserito il dottor Keith ha detto, tra cui dare voce alla lotta di difficili esperienze genitoriali, la costruzione di comunità e la celebrazione delle gioie della loro vita. "Ma quando condividiamo sui social media, dobbiamo tutti riflettere su come le nostre azioni colpiscano il benessere dei nostri figli, sia oggi che a in un futuro".

I pediatri possono sostenere i genitori creando in loro una maggiore consapevolezza per tutelare l'identità on-line di un bambino, secondo gli autori. "Abbiamo bisogno di incoraggiare la condivisione responsabile e premurosa", ha detto Steinberg, "e indirizzare una discussione sul tema che lascia anche i genitori più benintenzionati, con poche risorse, ad apprezzare la questione prima di premere e condividere sui propri dispositivi digitali ".

Steinberg avverte che le informazioni condivise possono essere rubate o più volte ricondivise, all'insaputa dei genitori, potenzialmente finendo nelle mani di pedofili o ladri di identità.

"Più probabilmente, il bambino un giorno potrebbe desiderare di avere un po 'di privacy e il controllo sulla propria identità digitale", ha detto Steinberg, notando che i primi "figli di social media" stanno entrando solo ora nell'età adulta, università, e nel mercato del lavoro. "Scindere il diritto del genitore di condividere la propria storia e il diritto del bambino ad entrare nell'età adulta libero di creare la propria impronta digitale è un compito arduo."

Gli autori propongono linee guida basate su migliori pratiche di salute pubblica che permettano ai genitori di familiarizzare con le politiche sulla privacy dei siti che usano, per pubblicare in forma anonima, se decidono di condividere il comportamento dei loro figli, comprese le immagini, le citazioni, le realizzazioni, e le sfide e di dare al loro bambino "potere di veto". Essi consigliano inoltre di non condividere le immagini che mostrano i loro figli in qualsiasi stato (vestito o spogliato) e di non condividere la posizione attuale del loro bambino in un post.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: figli genitorialità pericoli social media condivisioni impronte digitali potere di veto privacy

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Adolescente che non si acconte…

sara, 36                 Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche an...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit ...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, ne...

News Letters