Pubblicità

4 Verità sull'abuso

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1414 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Allontanarsi dal carnefice e smettere di subire è la decisone più saggia

vittime abusoL'abuso è un argomento molto difficile da trattare ed è ancora più complesso da accettare quando si è vittima.

L’abuso può avere molte forme, anche subdole, e non è necessario solo ascoltare l’esperienza delle sue vittime ma anche valutare quali siano i modi più efficaci per combatterlo. Oltre ad essere una realtà difficile da trattare è ancor più complesso accettarla quando si diventa vittime di esso.

La persona che ha subito la violenza può avere ferite emotive e psicologiche, anche se l'abuso stesso è fisico. Tali problematiche psicologiche ed emotive possono causare: diminuzione dell’autostima, paura, incertezza, mancanza di motivazione, anedonia (assenza di piacere nelle cose che un tempo si desideravano) e segni di debolezza mentale. Considerando ciò, è anche possibile immaginare quanto sia difficile rapportarsi con qualcuno che non solo ha una malattia mentale grave e non trattata, ma abusa degli altri.

Tra le storie di abusi solitamente emergono quattro verità che le caratterizzano e riguardano il comportamento tipico sia del carnefice sia della vittima:

1. L'aggressore non è sempre malvagio e minaccioso
La realtà più difficile per molte vittime di abusi è che queste si trovano spesso a lottare con i tanti volti e le varie emozioni assunte dal violentatore. Nel caso delle relazioni di coppia, lasciare l'aggressore può diventare molto difficile in quanto egli cambia frequentemente il suo comportamento (da buono a cattivo o viceversa) in una manciata di secondi. Se si è vittima di un aggressore che fa uso anche di alcool o droghe oppure è affetto da una malattia mentale, la situazione è ancora più instabile e complessa.

L’abuso ha un carattere ciclico che, solitamente, è ben rappresentato dalle seguenti fasi:
Momento di tensione: periodo in cui vi è una rottura della comunicazione a causa di un’incomprensione, un litigio o un fraintendimento. La vittima, in questo caso, manifesta l’esigenza di rassicurare l'aggressore al fine di evitare ulteriori drammi e conflitti.

Incidente: si verifica l’episodio di abuso che può essere di tipo fisico, sessuale, emotivo o semplicemente psicologico.

Riconciliazione: il carnefice, mostrando preoccupazione e rammarico per l’accaduto, induce nella vittima un forte senso di colpa e compassione. Segue così il desiderio, per chi ha subito l’abuso, di ristabilire l’equilibrio perso perdonando il tutto.

Altrimenti, in situazioni di abuso più gravi, l’aggressore può anche chiedere scusa e promettere di farsi aiutare concretamente da un professionista del settore.
Questa fase può sembrare positiva e veritiera, ma purtroppo il processo di elaborazione del trauma da parte della vittima non sempre è così semplice e possibile in modo autonomo e senza alcun aiuto.

Calma: in questa fase tutto sembra essersi stabilizzato, è come se l’abuso non sia mai avvenuto e si è certi del fatto che tale episodio non si verificherà più in futuro.
Ma la triste realtà è che accadrà di nuovo, anche se in modi e tempi diversi.

La vittima non riesce a comprendere come tale malvagità sia stata compiuta da una persona che tanto la amava: può essere molto difficile concepire una persona che si ama, per cui ci si preoccupa, e verso la quale si porta rispetto come un carnefice. Questo è il motivo per il quale le vittime spesso faticano a denunciare i maltrattamenti, in quanto esse tendono a mantenere una percezione originaria di tipo positivo della persona che ha compiuto l'abuso.
Quanto più il legame è forte, più è difficile scindere l’opinione che si aveva sull’aggressore da un evento così crudele come l’abuso.

2. Separarsi dal carnefice può far male ancora di più dello stesso abuso
Le vittime, poste di fronte alla dura realtà che le loro aspettative, progetti e sogni svaniscano, sono inizialmente restie a lasciare il violentatore.
La persona abusata, nonostante capisca la gravità della situazione e comprenda che l’unica possibilità sia separarsi da quella persona, lotta comunque con le sue idee che:

  •  l’aggressore abbia bisogno di aiuto e, per questo, non dovrebbe abbandonarlo;
  • separare i figli da un genitore, nonostante i maltrattamenti, sia motivo di sofferenza per entrambi.

3. I figli, anche se in modo indiretto, subiscono il trauma
L’abuso subito all'interno di una relazione può causare, in qualche modo, un trauma anche per i figli. La violenza è dolorosa, cambia le dinamiche dei rapporti e, talvolta, la vita stessa.

Una terapia psicologica efficace dovrebbe mirare ad educare i genitori nella comprensione dei benefici che si potrebbero trarre da una separazione futura.

4. A volte allontanarsi dal carnefice è la decisione più saggia
Che si tratti di un genitore, un nonno, un amico, un coniuge, l'aggressore non sempre riesce a cambiare o evitare il comportamento dannoso, anche nel caso in cui ha richiesto aiuto.
Nella maggior parte dei casi mettersi a sicuro significa allontanarsi, elaborando il trauma, per ricercare la serenità perduta.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura delle Dottoresse Benedetta Marrone e Ilaria Addorisio De Feo)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: paura autostima decisione motivazione violenza figli trauma incertezza anedonia vittima carnefice abuso verità ferite emotive problematiche psicologiche debolezza mentale malattia mentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è impiegato correntemente nella...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni